Bagni di pioggia

Ho aspettato davanti al computer per un pò, ho gironzolato tra i vari blog, sperando sempre di non sentire più il suono delle gocce di pioggia sul vetro della finestra.

Mi sono affacciata ogni tanto, guardando verso il lampione che illumina la mia strada per vedere meglio se il suono fosse dovuto alle gocce che cadono dai rami o alla pioggia insistente.

Nulla da fare, è ancora la pioggia.

Assolutamente non avrei nulla in contrario, io non credo di aver posseduto mai un ombrello, tranne quello che ha regalato l’azienda a noi dipendenti per il Natale 2009.

Il problemino, o meglio, il fastidio che provo nel sapere che ancora piove è l’inevitabile passeggiata che devo fare con il cane…perché a lui piace tanto la pioggia, oh come adora essere completamente inzaccherato.

Non soddisfatto della sola acqua che arriva dal cielo, per bagnarsi ulteriormente, si intrufola sotto i cespugli, si struscia allegramente sull’edera, sgrullando le foglie e permettendo alla pioggia rimasta sopra di colargli tranquillamente sul muso, sulle orecchie, sulla coda… Continue reading “Bagni di pioggia”

Casuale o causale?

Capita alle volte di avere delle sensazioni che poi prendono forma e le ritrovi pronte per te nella realtà.

Avevo questa sensazione da alcuni giorni, sentivo che lo avrei rivisto, nel posto dove mi aveva detto non sarebbe mai venuto.

Avevo visto una macchina che ero sicura fosse la sua, mi sono chiamata paranoica, mi sono chiesta come facessi a ricordarmi la targa, io che sono l’incarnazione della distrazione, della confusione, della dimenticanza.

Poi ci sono quei giorni in cui sembra proprio che le cose debbano succedere…scendi dalla cyclette dopo 13 minuti e 50 secondi…ma che razza di tempo è 13 min e 50 sec..? Non si sa…però decidi di smettere.

Solitamente fai stretching…ma quel giorno no. No, quel giorno no. Perché…? E non sai perché!

Sai solo che oggi ti gira così…allora fai per andartene, poi ricordi che c’è la tua amica (uh mamma mia e sei distratta più del solito!), torni indietro, le dici che oggi… boh, sei così, un pò grunge e non ti va di rimanere, hai solo voglia di andartene. Continue reading “Casuale o causale?”

Mi hanno vietato l’accesso…

Ecco, non è che io sia contraria completamente, oddio lo sono moltissimo in realtà… però (sforzandomi, tanto…) riesco anche a condividere il motivo che spinge a prendere una decisione del genere.

Perché  non è che ho sempre fatto la dipendente, io…

Anzi, durante una parte della mia libera professione ho anche avuto dei dipendenti. Certo,  adesso, a pensarci, sembra veramente passato un secolo…

Insomma questo per dire che so come si sta da entrambe le parti della barricata.

Ecco.

Secondo me, vietare completamente, con la forza, senza possibilità di scegliere, di appellarsi…  non è un metodo per far sì che il dipendenti lavori di più ..

Impedirgli imperiosamente di avere una pausa evidente dal lavoro, non gli impedirà certamente di prendersi questa  pausa.

Da ieri anche wordpress è tra i siti internet inibiti, non posso più accedere  qui dall’ufficio….