U come Uomini – l’ingegnere

Come…?
Non hai capito?
… Eh no infatti stavo più o meno borbottando…che mi viene così…
Dicevo che l’ha rifiutato…insomma sì lo ha aiutato perché pare che sia regredito del 20% che dai non è male.
Dice che era preso da un cordone ombelicale.
Beh non so spiegarti meglio, lui si me lo ha spiegato sono io che non ho capito bene come funziona…
Insomma ora deve fare il trapianto di midollo… Sì è in una lista internazionale.
Sì perché dice che ne avevano trovato quattro qui in Italia di donatori compatibili, ma poi si sono rifiutati…
Sì erano nelle liste, ma poi alla chiamata si sono tirati indietro…
no questo non lo so, non so come funziona…
Sì pare che poi alle spiegazioni dell’operazione e del post operatorio poi si siano spaventati…
Eh no..non lo so se glielo spiegano già quando diventano donatori..non le so io queste cose…

Lui?
Lui era un po’ arrabbiato, un po’ triste, ma anche allegro, insomma lui ha sempre quel suo bel carattere..
Che poi diciamocelo è quello che lo manda avanti.

Abbiamo preso un aperitivo, anche se lui non avrebbe potuto.
Mi ha fatto vedere le foto, sì si faceva le foto durante le cure! Con quelle espressioni lì che fa lui, con quel sopracciglio alzato, senza capelli, senza più i suoi baffetti, con tanti chili in meno, che a vedere certe fotografie glielo ho detto che non sembrava neanche lui, però sempre un gran bel marcantonio, che lui lo è anche con la mascherina e la flebo attaccata al braccio.

Sì certo, lo so bene anche io che sono di parte.
Io con lui ho interpretato molti dei ruoli che si possono interpretare nelle relazioni tra uomo e donna: amici, amanti, fidanzati.
Ci sono stati indifferenza, amore, odio…

Poi lui mi ha detto sai quando finirà tutto questo mi sposerò, ma non immagini con chi, nessuno immagina con chi.
Abbiamo iniziato a rivederci già da un po’.

E io l’ho guardato e gli ho detto con Sara.

Come hai fatto?

E come ho fatto…io ho sempre pensato che non vi sareste mai dovuti lasciare, io vi ho visti insieme e si vede…si vedono tante cose.
Sono contenta. Sono contenta se vi sposate.

Ma sono triste ed ho paura ho paura di non rivederlo ho paura che non si trovi nessuno.
E mi ripassano in mente tutte le immagini…

Che te le racconterei pure ma non hai idea di chi è appena entrato in metro … Ah lo senti eh?! Certo la voce roca inconfondibile di chi la vita se l’è quasi completamente fumata, dovresti vedere come è di aspetto, è ugualmente roco. La sua voce ha mandato in frantumi i miei pensieri.

Te ne dò novemila, novemila a fine ottobre e poi non se ne parla più. Cinquemila? Cinquemila te ne bastano?

È arrivata la mia fermata. Provvidenziale.
Tutto sommato provvidenziale anche il roco che mi ha aiutato ad uscire dal vortice di quelle immagini e dai pensieri bui dove stavo precipitando.

Annunci

A come Amore – Nipotino e sfumature

  • Zia ora che mi aiuti con i disegni, mi puoi spiegare anche le sfumature, che l’altra volta che le ha spiegate la maestra d’arte non le ho capite.

Così mi sono imbarcata in una spiegazione di teoria delle ombre, con tanto di esempio pratico, lampadina, oggetti illuminati, formazione delle ombre, colori professionali di tutte le sfumature e tonalità, prove colore su fogli bianchi, come fare il tratto, come la sfumatura, non pigiare troppo sul foglio, e..

  • Zia!?
  • Sì?
  • Ho capito! I tuoi capelli ce l’hanno perfetta la sfumatura, vieni allo specchio ti faccio vedere: qui sono marroni, poi diventano arancioni e poi diventano gialli!

(devo urgentemente andare dal parrucchiere…)

Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XVII

  • Maria Emma l’Azienda mette a disposizione un posto per far partecipare un dipendente ad un master in Project Management. Ti interesserebbe partecipare?
  • Si certo, capo.
  • Bene perché ti ho già proposto come persona della nostra unità organizzativa. Certo questo ha creato un disaccordo: lei si è risentita, perché quando ha saputo che avevo proposto te mi ha detto che voleva invece farlo lei e si è arrabbiata.
  • ah… beh io non sapevo neanche ci fosse questa opportunità… Mi spiace si sia creata questa incomprensione…comunque grazie capo mi fa molto piacere che tu mi abbia sponsorizzato.
  • Ma figurati non c’è bisogno di ringraziamenti.

….

  • … Come funziona ora la scelta tra i candidati?
  • A sorteggio.
  • ah…di solito non sono molto fortunata…però non si sa mai. Magari questa volta sì! E quando ci sarà il sorteggio?
  • Lo stanno facendo ora.
  • … Ora? E chi lo fa?
  • I responsabili delle altre unità che hanno proposta altri candidati.
  • Capo ma come!? Nella fase più importante tu non ci sei?! Non vedi come andrà il sorteggio?!
  • Tanto, Maria Emma, è inutile che io ci sia, lo sai come vanno le cose qui, ci sono altri tecnici sponsorizzati da qualcuno di più importante, non credo proprio sarai sorteggiata.
  • ….

In my shoes – Pazienza

E che faccio un elenco?
Diventerebbe noioso e poi poco produttivo.
Non renderebbe il vero senso.
È che nella vita alla fine ho imparato ad avere pazienza.
L’ho coltivata piano piano.
Credo che ognuno di noi nasca con un qualcosa di default.
Io sono nata con il default di avere pazienza, anzi di dover necessariamente avere pazienza, perché le cose non mi vanno mai lisce come dovrebbero, e per raggiungere qualcosa devo sempre superare degli ostacoli inaspettati, imprevisti, piccoli o grandi che siano.
Come in un labirinto per raggiunger il centro di quello che vorrei fare devo zigzagare tra varie siepi di contrattempi, o di intoppi, trovo sempre qualcosa che mi blocca.
Stupidaggini o cose serie.
Ma io non lo dico mai.
Non me ne lamento perché mi sembra che sia normale.
Mi sembra che poi se le racconto, se racconto i contrattempi assurdi o meno, tutti mi potrebbero rispondere che è normale, tutti incontrano difficoltà.
Ma io su tutto.
Che ne so.
Che ti dico.
E se te lo dico poi entriamo nel circolo vizioso della lista e di te che mi dici ah si va beh ma questo pure mi succede a me, quest’altro è successo a mio cugino, a mia sorella, a mia zia e così via.
E infatti non ne parlo mai.
Ma ora ti vorrei solo raccontare quello che mi ha detto Ca.
Ca la mia collega, quella che x fortuna che c’è nella mia vita di PI, te ne ho già parlato altre volte.

Insomma io e Ca parliamo tanto.
Bene o male con Ca passo molto più tempo che con le persone della mia famiglia…
Direi che Ca è proprio un amica x fortuna.
E quindi io so di lei cose, lei di me altre, e ne sappiamo tante.
L’altra volta le raccontavo di questa cosa importante che io e Lui stiamo portando avanti.
Delle solite mille peripezie che ho dovuto fare e che sto facendo per raggiungere un qualcosa che per altri è stata una cosa semplicissima.
Insomma gli racconto l’ultima cosa che è successa.
Lei tace x un po’.
Poi mi guarda.

ca&&o Maria Emma, non ci posso credere.
Ma è possibile che te ne capitano di tutti i tipi?
Io non ho mai sentito tutte queste vicende strane accadute ad una sola persona!

Ecco insomma io te lo racconto non per avere una sorta di comprensione o di compassione, no!
Te lo racconto perché finalmente ho trovato qualcuno che mi ha confermato quello che pensavo, sono un concentrato di situazioni di intralcio!
Che non sono veri e propri problemi, sono intralci!
Ho sempre un qualche cosa che intralcia i miei obiettivi e devo impiegare il doppio del tempo per raggiungerli!

Insomma è consolatorio sapere che qualcuno che mi conosce bene e conosce bene le mie vicende, senza alcun imput da parte mia, abbia pensato ciò che penso io!

Però in un certo senso è un bene.
Perché io grazie a questo ho pazienza. Tanta pazienza.
L’ho esercitata per anni.
E questo è un bene.

Capita a tutti di pensare così di loro stessi?

Vedi…lo avevo detto io che non te lo dovevo raccontare.

Va bene, pazienza.


la rosa meditativa – Dalì

U come Uomini – Zio, il ricatto

Tre minuti.
I treni nel periodo estivo sono rallentati, le corse sono di meno, vanno giustamente in ferie.
I conducenti intendo.

Mi viene in mente – È vero … L’ho già detto – che io la metro non l’avrei mai presa in vita mia se non fosse stato per il mio primo lavoro da impiegata.

O meglio penso che non lo avrei mai fatto, ma poi sai come è la vita: non si sa mai.
Scopri sempre cose nuove.
Come quella che ho scoperto io.
Che poi ho scoperto anche che ero l’unica della famiglia che non lo sapeva.
Sembra sempre che la piccola di casa non cresca mai.
Mi hanno detto del ricatto che ha fatto mio zio a mio padre.
Non me lo hanno detto prima per non farmi arrabbiare.
Perché in mezzo a quel ricatto c’ero proprio io.
Io che non gli avevo mica chiesto niente.
Lui ha fatto e disfatto tutto.
E mio padre, che poi dei fratelli è quello più tollerante, nella sua grande intolleranza verso il genere umano (quindi pensa gli altri), ha lasciato correre.
E me lo ha raccontato solo pochi mesi fa.
Dopo 11 anni.

Così io adesso a mio zio lo voglio vedere il meno possibile.
Che già non era il mio zio preferito. Che il mio zio preferito purtroppo non c’è più da tempo.

Era uno scherzo, mi hanno detto che sarebbe venuto anche lui a cena.
Beh ovviamente non quello, lui non c’è più.
Magari fosse stato lui.

Gli ho detto: scherzi?
No.
Dimmi che scherzi.
No.
Io non vengo: Mi rovinerebbe la cena. Io lui non l’ho mai sopportato tanto, ma dopo quello che ho saputo ancora meno.
Ma è il compleanno di zia.
Pazienza, zia capirà.

Io l’ho detto?
Io.
Pensavo di essere l’unica a pensarla così
E invece quando poi hai il coraggio di tirare fuori certe cose scopri che ci sono loro che la pensano come te e tu non lo sapevi.
Possibile che io, quella che della famiglia che parla di meno, quella che si tiene sempre tutto dentro o al massimo lo tiene su un foglio di carta, debba essere la prima che parla?

E allora poi si dice che non si invita perché sennò Maria Emma non viene.
È una specie di scarica barile su l’unica persona che ha avuto il coraggio di dirlo ad alta voce che lui è insopportabile.
E poi scopro che anche mia sorella ormai a lui non lo sopporta più.

Lei però lo sapeva già da tempo del ricatto.

Ma lei è brava a mantenere sane pubbliche relazioni.
Io no.

A me basta e avanza mantenere buon viso a cattivo gioco un giorno l’anno, il giorno del fatidico incontro con tutta la famiglia per Natale.
Per il resto dei giorno posso anche farne a meno.
Perché altrimenti gli vorrei dire che i bambini vanno trattati bene.
Che le urla, le minacce, il tono duro, i ceffoni, gli sguardi di rimprovero ti rimangono dentro.
Che i bambini lo sentono quando non sono graditi.
Che i sogni degli adolescenti non vanno denigrati, derisi, ridicolizzati, ma andrebbero incoraggiati.
Gli direi che non si mettono in imbarazzo le persone davanti al loro fidanzato, che non è divertente fare delle battute di spirito di dubbio gusto.
Gli vorrei dire che le persone vanno rispettate.
Che io lo trovo insopportabile con quella sua perenne espressione di disgusto quando qualcuno gli parla di se.
Lo trovo insopportabile quando non ha mai una parola buona per qualcuno.
Trovo insopportabile la sua eterna critica nei confronti delle idee e dello stile di vita di chiunque tranne che quello di sua figlia.
Trovo insopportabile quando lui ci dice quanto lei sia intelligente.
Trovo insopportabile quando lui ci dice che quello che fai lei è fantastico, che il suo lavoro e bellissimo e lei è bravissima.
Ma quale lavoro scusami??!! – gli vorrei urlare in faccia!
Quale lavoro se non ha bisogno di lavorare per vivere?
Ah ho capito.
Ma quelli non sono lavori, quelle sono passioni che lei fortunata riesce a coltivare perché non deve per forza alzarsi la mattina e timbrare un cartellino o avere a che fare con un capo o con dei dipendenti o con che so io!
Quale bravura c’è nel vivere coltivando i tuoi hobby e basta perché tanto non hai problemi ad arrivare a fine mese?!
Sarebbero bravi tutti!

Beh sì, sì è ovvio. Quello che leggi nelle mie parole è sia rabbia che invidia.
Si invidia.
Sono umana. E gli esseri umani la provano l’invidia. Che poi ci sono quelli che si nascondono e dicono “è un invidia buona”. Boh io non lo so se la mia è un invidia buona… Mi sa tanto che è cattiva…un invidia cattiva.
Eh beh, mica possono essere tutti buoni.

Così io l’ho detto.
E, come capita spesso, io divento la scusa per fare una cosa che tutti avevano in mente, ma che non avevano il coraggio di fare.
Benissimo addossate tutte le responsabilità su di me liberando la vostra coscienza, che i pensieri cattivi su altri esseri umani non sono cristiani. Dovremmo sopportare ed offrire al Signore le nostre sopportazioni.
E no.
Oggi no.
Oggi io non voglio mettermi in questa situazione.
Oggi io sono cattiva come la mia invidia.
E forse non è limitato ad oggi.
È ora che si dicano le cose come stanno.

Non te l’ho raccontato bene il ricatto.

Ci sarà occasione.

E non so nemmeno se ricatto è il termine esatto.