Non c’è sconfitta nel cuore di chi se ne sbatte il cazzo

Le scritte sui muri regalano spesso perle di saggezza.

Se riuscissi davvero a farlo sarei salva dalla mia monkey mind che mi ripete in continuazione che il dovere viene prima del piacere che se il dovere non è portato a termine nel migliore dei modi non meriti il piacere.

E in questo loop mentale permetto a chiunque di essere il mio implacabile giudice e siccome compiacere e avere l’approvazione di chiunque è impossibile, il traguardo che mi impone la mia monkey mind è irraggiungibile e la sconfitta è quindi inevitabile.

Che fatica.