U come Uomini – di mia sorella però – parte II

[…] continua da qui

… Sì d’altra parte mia sorella è fantastica e io la adoro, ha mille altri aspetti che me la fanno amare, ma accipicchia in questi ultimi anni è faticosa.
Ed io non mi ricordo che sia sempre stata così faticosa, certo il divorzio l’ha cambiata ed alle volte si ricorda cose strane e un po’ diverse rispetto a come sono andate veramente.

Tipo che io sono nata in ospedale e lei in clinica.
Che invece siamo nate tutte e due in clinica.
Però lei dice di no.
Ma poi che differenza fa nella sua testa io non l’ho capito mica.
Ecco insomma lei è così.
Lei racconta la sua verità.

Per esempio ti ricordi del lavoro in discoteca del sabato pomeriggio, il lavoro che ho fatto dai 14 ai 18 anni?

Insomma io stavo alla porta a controllare chi aveva la tessera e chi no, poi quando iniziava la musica io ballavo, ecco, facevo questo.
Sì come le cubiste ora, ma non stavamo sopra ad un cubo ed eravamo in jeans e maglietta o al massimo indossavamo i leggins con maglietta, che in quegli anni i leggins si chiamavano fuseaux.

Lei, mia sorella, invece racconta che organizzavo quei pomeriggi in discoteca, che ero quella che ora si chiama P.R.
Io!
Le P.R.!

hahahahahahahaha!

Perché racconta così?

Perché fa più fico dire che la sorella faceva le pubbliche relazioni piuttosto che dire che la sorella stava alla porta di un locale a dire chi poteva entrare e chi no e poi la pagavano per ballare.

Insomma poi tu lo sai, lei è così.

Quindi non mi avrebbe mai perdonato se fossi mancata al compleanno del suo compagno.

Che io le vorrei tanto dire che io non lo sopporto proprio il suo compagno, ma poi non lo faccio mai, perché non mi sembra il caso.

Beh proprio mai non è vero…
Ogni tanto nei primi anni di storia ho cercato in modo molto superficiale ad accennare qualcosa, per capire anche lei cosa ne pensasse.
Ed io ho capito che lei su alcune cose è d’accordo con me, e su altre no e dice che lui l’ha aiutata tanto a superare il brutto momento della separazione dal marito, dice che le ha dato tanti consigli, dice che se non ci fosse stato lui lei non avrebbe resistito, non sarebbe riuscita ad affrontare tutte le implicazioni legate alla separazione e senza di lui…

Ecco senza di lui a mio modesto avviso lei si sarebbe rimessa insieme al marito.
Questa è la realtà che vedo io!
E sarebbe stato giusto così, perché secondo me mia sorella lei mica è stata mai convinta di lasciarlo il marito.

Lei lo sa?
Si lo sa che lo penso, ma appena se ne parla va su tutte le furie.
E poi un giorno mi ha detto che lei non sa stare da sola, che ha paura a stare da sola, che non è mai stata da sola.

E allora da quella volta io non ho detto più nulla, mai.
Perché avere paura di stare da soli è un bel problema è quel problema che ti trascina dietro altre mille situazioni.
Perché io lo so cosa vuol dire stare da sola.
Però poi anche se non ho imparato a stare da sola a pranzo in ufficio, e non so perché, ho imparato a stare da sola fuori, nella vita.

E allora a mia sorella dopo quella volta ho cercato di non dirle più nulla.
Però poi sull ‘uomo di mia sorella e sulla sua sicumera mi sfogo con mia madre, e mio padre alle volte ascolta, che è lì con noi.

E una volta mio padre ha detto che ormai dobbiamo accettarlo, che è l’uomo che ha scelto mia sorella e che noi dobbiamo considerarlo parte della famiglia.
E io gli ho detto okay lo tollero lo accetto e lo sopporto, ma parte della famiglia no, non lo considererò mai.

E lo sai che se dico una cosa è perché ci ho riflettuto ed ho riflettuto su alcuni episodi accaduti in questi anni.

Perché insomma sono quasi 4 anni ed io mi sono fatta anche diverse vacanze insieme a loro.
Era mia sorella che me lo chiedeva, mi diceva di andare con loro che così vedi i nipoti.
Che dopo il divorzio i nipoti non sono mica facili da vedere sai?
E poi lei lo sa che con questa storia mi tocca sul vivo.
Perché ormai bisogna cogliere al volo le occasioni per vedere i nipoti, perché lo sai come succede: quando le telefoni la domenica che sai che i bambini stanno con lei e non con il padre che magari hai del tempo per stare con loro se lei ha i suoi impegni non ti risponde neanche al telefono e ti richiama il lunedì e tu le dici ma io ti avevo telefonato ieri per sapere se potevamo vederci tutti insieme e lei ti dice che aveva da fare e non ha fatto in tempo a richiamarti.

Quindi tu capisci che io in questi anni, anche quando lei era ancora sposata, appena lei mi diceva di andare in vacanza con lei ed i nipoti io ho sempre abbandonato qualsiasi alto tipo di organizzazione e sono andata con loro.

Si però un conto è stato farsi le vacanze con lei e i nipoti da sole, ed un conto è stato farsi le vacanze con lei e i nipoti e il suo nuovo uomo e le due figlie del suo nuovo uomo.

Ed ovviamente è inutile che ti inizi ad elencare gli episodi che mi hanno portato a pensare che io l’uomo di mia sorella proprio non lo sopporto.

Ma lascia che ti dica solo che non c’è una goccia che ha fatto traboccare il vaso …. Ce ne sono mille!

Non è stata solo quando ha sgridato mio nipote che giocava con una pozzanghera e quando lui però non smetteva allora gli ha detto e allora affogati, non è stato solo quando ad ogni vacanza pretendeva di organizzare anche il mio di tempo libero oltre che quello delle sue figlie e di mia sorella, e non è solo perché un giorno mi ha detto che io mia sorella non la conosco e mi ha portato fuori dalla stanza per spiegarmi lui come è mia sorella e ha iniziato a criticare i miei comportamenti e quelli dei miei genitori nei confronti di mia sorella, e non è perché si è permesso di dire anche a mia madre che sua figlia lei non la conosce e che gliela spiega lui sua figlia.
Io non sopporto la sua sicumera.
E non lo sopporto anche perché è successo che dopo aver litigato con mia sorella mandasse a me messaggi melliflui in cui leggevo esclusivamente ridicoli tentativi di apparire come vittima di una situazione di cui mia sorella era stata artefice.

Che io lo so che con mia sorella ci litigo tanto e che siamo completamente diverse, ma c’è un legame che va oltre le litigate, oltre i caratteri opposti che ci tiene unite da sempre e sempre ci terrà così e per il quale è evidente che io non prenderei mai le parti di qualcun altro, almeno non alla luce del sole, difenderei sempre mia sorella davanti agli altri, salvo poi magari riprenderla in separata sede, solo noi due, occhi negli occhi.
Ecco.

E la sai anche un’altra cosa?
Secondo me mia sorella e l’ex marito si sarebbero rimessi insieme, lui invece ha messo zizzania.
L’ho già detto?
Va bene lo sai che questo è uno sfogo fatto di getto, la finisco qui per ora.

Categorie 1

U come Uomini – di mia sorella però – parte I

AAAA R R G H !
Io così mi sento.
Mi sento che vorrei urlare tutta la mia rabbia, tutto lo sconforto che mi provoca questa storia.
Mi sembra che sia proprio stata una successione di scelte del tutto errate.

E non mi guardare con quella faccia.

Io non ho la forza alle volte.
Io avrei l’enorme desiderio di prenderla da una parte e dirle che secondo me ha fatto un errore enorme.
Che non è andata meglio.
Che l’uomo con cui sta non è assolutamente adatto a lei.
Sì, certo che non è un cattivo uomo. Nel senso che dici tu.
Nel senso che dico io, forse.
Nel senso che sotto sotto cerca il suo tornaconto e per raggiungere il suo scopo lui le racconta le cose che lei vuole sentirsi dire.

Ma porca miseria non si accorge che non c’entra assolutamente niente con lei!
No, non urlo.

Che poi invece l’urlo si trasforma in pianto.
Che a me succede così: all’improvviso mi viene tristezza e gli occhi si fanno lucidi, che sembra che ci siano le onde dentro, che io vedo come attraverso il finestrino della macchina quando da piccola mamma ci lasciava al suo interno quando passava sotto i rulli dell’autolavaggio, insistevo io per rimanere dentro.

E lui allora quella sera della festa di compleanno, quella sera di maggio, se ne è accorto delle onde e mi ha detto se ci andavamo a fumare una sigaretta fuori, che faceva un freddo fuori. Che il tempo non si era accorto che era maggio.

Sarà stato quel freddo, ma lì fuori mi sono uscite le parole, e scorrevano come un fiume in piena e le lacrime hanno trovato sfogo solo nel fiume di parole e non negli occhi, per fortuna, che poi il trucco mi si sarebbe sciolto che io quando piango rimango gonfia e rossa per ore e mi si vede subito che ho pianto perché io quando piango piango bene, mica che faccio uscire solo le lacrime io. Io singhiozzo per bene, io.

Quando siamo tornati dentro mi sono accorta di aver perso il momento della consegna del regalo, perché non mi hanno chiamato, o forse sì, ed io non ho sentito perché ero fuori.
E tu sai che loro fanno caso a queste cose e quindi ho dovuto dire a mia sorella di dire al suo uomo che anche io avevo partecipato al regalo.

Ma senti tu che cosa brutta da fare.

Perché mi avevano detto che neanche aveva letto il biglietto con le firme, che insomma a me già non mi andava di venire, perché lo sopporto poco, perché avevo il compleanno di un mio amico, perché tutta l’organizzazione era copiata dalla serata del compleanno di mio padre, perché non mi andava di trascinare lui.

E per fortuna che lui è venuto con me, che lui lo sa la situazione che si è creata negli anni, lui lo sa che non sarei potuta mancare a questo compleanno, che sono situazioni familiari delicate, che poi mia sorella me lo avrebbe rinfacciato per anni se non avessi partecipato al compleanno del suo compagno.

Ancora si ricorda di fatti accaduti anni fa.
Ancora mi rinfaccia di non essere andata ad un suo compleanno e se ti dovessi dire la verità, e devo proprio dirtela, io non ricordo affatto che questo sia successo.
Ti giuro che non ricordo quale fosse questo benedetto compleanno al quale non ho partecipato.
Non lo ricordo perché sono certa di essere sempre andata ai compleanni di mia sorella.
Non era in discussione, proprio perché ho sempre voluto andarci.

Però lei si ricorda così.

Ma tu guarda che cosa brutta da giustificare.

[…] continua

in my shoes – Sciura

È come quando pensi che vuoi tagliarti i capelli e ti capita che intorno a te vedi solo donne con i capelli corti.
E allora li tagli.
E poi sogni che ti sono ricresciuti e non vedi l’ora che il sogno si realizzi e intorno a te non vedi altro che donne con bellissimi capelli lunghi.
Ecco. (Si ogni riferimento a me stessa non è puramente casuale).

Sarà che ho da poco superato i 40, sarà che iniziano i compleanni degli amici che iniziano a superare di gran lunga i 40.
Sarà quello o qualcos’altro, ma da un po’ di tempo mi sembra di essere circondata solo da persone che non fanno altro che farmi pensare alla mia età, e mi ci fanno pensare in negativo, come fossi vecchia.

Ti ricordi del nuovo assunto che mi ha dato del lei, te ne ho parlato qui.
Beh è un esempio.
Poi ieri passeggiavo con i cani, ero sul marciapiede e sento:

scusa!

Mi giro e sul ciglio della strada era fermo un tipo su uno scooter. A mio modestissimo avviso era un mio coetaneo.
Appena mi guarda da davanti:

ah, scusi, per la via tal de tali?

Tu non so sei hai presente la serie Ally Mac beal, che lei davanti a te sorride e dentro invece si immagina la scena di urlarti addosso?
…sì io mi sentivo come lei. Ho avuto la tentazione di indirizzarlo dalla parte opposta.

E poi in ufficio…
E stranamente tutte queste informazioni mi vengono da Ca, che insomma io l’ho detto la considero un’amica.
Solo che di punto in bianco, senza alcun sollecito, mi parla spesso del mio aspetto e di come lo dimostro. Che io, voglio dire, su questo aspetto a voce alta non mi lamento mai!
Che dici, si sentirà ugualmente?

Maria Emma fai bene a vestirti da ragazza.

Scusa Ca ma che vuol dire?

Che fai bene alla tua età ti vesti da ragazza e non da “Sciura”, fai bene, finché puoi.
Perché poi da dietro sembri proprio una ragazza, certo poi da davanti si vede la tua età.

Ca, praticamente :
Dietro liceo davanti museo…, mi piacerebbe ti ricordassi queste tue parole e ci ripensassi tra cinque anni, quando ne compirai 42 e vorrei mi dicessi come ti fanno sentire.

Va bene Maria Emma non ti arrabbiare io dico la verità, l’amicizia è anche questo.

Ma sì, per carità … Certo però l’amicizia è anche una bugia messa bene… Oppure il silenzio, tanto non ti avevo chiesto nulla…

Come? Cosa indossavo? Pantaloni, stivali, camicia e cardigan.

P.s. Scusa ma una Sciura, come si veste?

Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XXIII

Ti volevo chiedere una cosa, però dovresti avere un po’ di pazienza che la premessa è un po’ lunga.

Direi che ognuno cià il suo.
Io il mio di carattere un po’ l’ho migliorato.
Giusto un po’. Che mica è facile sai.

Ho pensato tante volte che il lavoro mi abbia aiutato ad avere meno paura di dire quello che penso.
Si perché oltre la mia timidezza in famiglia c’è sempre stata questa tendenza a non dire: meglio non dire, meglio che rimanga in famiglia.

Quindi ho sempre avuto un po’ timore di dire a voce alta ciò che penso anche tra ambienti familiari figuriamoci in un ambiente lavorativo.
Questo ha sempre dato l’impressione che io abbozzassi su tutto che qualsiasi cosa a me sarebbe andata bene.
Ripeto, un conto è in famiglia, ma sul lavoro – per come l’ho capito io, ma non è detto che sia giusto – è meglio parlare.
Certo, bisogna vedere in che modo si dicono le cose.

Così a poco a poco ho superato, non del tutto, ma in gran parte, la paura di dire quello che penso.
Ora questa cosa, ultimamente intendo – ora che è da un bel po’ di tempo che sono assolutamente stufa del mio lavoro – ma che non riesco a trovarne un altro e il tentativo di un progetto alternativo è fallito – ora che sono arrivata al limite della sopportazione del tipo di lavoro, della maggior parte dei miei colleghi – che sembra che vivano in un altro paese – ora, dicevo, la situazione mi è quasi sfuggita di mano…

Ecco io ora non riesco a contenermi, sto perdendo quasi completamente i filtri e mannaggia a me parlo troppo.

E alle volte mi chiedo come il mio capo faccia a sopportarmi, non deve essere facile.
E alle volte penso come faccio io a sopportare lui, non è affatto facile.

Ormai sembra quasi io non perda occasione di manifestare questa insofferenza, che scaturisce anche dal lavoro che mi assegna, e dal tipo di immobili che mi assegna da quando ho cambiato servizio, e quindi da fine Aprile da Vita di PI – Riflessioni XI .

Che tu dici immobile e allora pensi subito ad una bella casa o ad un bel palazzo.
Eh no cara mia mica sono solo quelli gli immobili.

Ed allora qualche tempo fa ho chiesto al capo, anzi gli ho detto che non capisco perché a me sono mesi che capitano sempre immobili del tipo:

  • Marciapiede del paesino in provincia di … Due ore di macchina.
  • Parte di terreno costituente il bordo stradale della larghezza di 50 cm e la lunghezza di 12 km, in provincia di…. Un’ora e mezza di macchina.
  • Porzione di terreno in proprietà per una quota di 1/4 il che vuol dire interagire con i restanti proprietari che di solito sono sparsi per l’Italia e sicuramente non si vogliono mettere d’accordo su cosa fare con le loro quote di proprietà e qualsiasi cosa succede la colpa è tua, in provincia di … Un’ora e passa di macchina.

E poi vedi gli altri colleghi a cui capitano i castelli, i palazzi di fine ‘800, le dimore di lusso …

Oppure relazioni del tipo:

  • Risposta alla lettera dell’avvocato tal de tali che tutela gli interessi di tizio contro di noi …

Capo io sarei un architetto, non un legale…

Quindi che fai non vuoi lavorare? Sai che non importa la qualifica, qui devi saper fare tutto.

Ecco, siamo proprio lo specchio dell’Italia capo, sarà per questo che non andiamo avanti perché si danno incarichi a caso indipendentemente dalle competenze professionali, i tecnici fanno i legali e i legali i tecnici. Poveri noi.

*Maria Emma! *

Sì, capo non ti preoccupare ora vado di là e divento l’avvochitetto, che tanto rende l’idea.

Allora tempo dopo sono riandata e gli ho chiesto se magari si poteva fare a rotazione.
Non dico capo che non mi voglia occupare di questi immobili, dico che se facciamo a rotazione sentirei meno la sensazione di aver fatto un passo indietro di vent’anni quando ho iniziato la gavetta negli studi di architettura…

Servito a qualcosa dici?
Beh no, ecco, non è servito a nulla.
O almeno non a quello che pensavo io.
Sto ancora aspettando la rotazione.

E aspettando mi ha affidato, il 30 novembre, la redazione di una ventina di relazioni tecniche da consegnare il 20 dicembre.
Capo, ma il Decreto Legge prevede la scadenza a 60 giorni.
Sì, ma il grande capo le vuole tutte pronte prima che se ne vadano in ferie tutti il 20 dicembre.
Okay…anche se io in ferie a Natale non andrei…

Che se ne fai una al giorno…
Ma anche il sabato e la domenica hai contato, capo?

… se i documenti da riordinare, capire e riportare nella relazione non iniziassero, per ogni immobile, dal 1969 o giù di li, allora forse si potrebbe …
Se poi non si considera tutto il giro burocratico che fanno i documenti, l’ufficio A scrive al B che poi riscrive al servizio competente dell’ufficio B, che con i suoi tempi chiede le autorizzazioni agli uffici C e D, per poi riscrivere a B che riscrive ad A … Per circa 44 anni.
Ecco allora si in 20 giorni le fai.

Dici?

Ah beh io poi sono testarda eh!
Cavoli, se lo sono e così tra la polvere delle scartoffie più vecchie di me ho tirato fuori 20 relazioni per il 19 dicembre.

Risultato?

Sono ancora lì alla firma del gran capo.
Sì è marzo…

Dopo?
Dopo c’è stato l’incarico cortesemente conferitomi il 24 dicembre di cui ti ho parlato qui.
Che mi pare inutile ritornarci sopra ora.

Dopo?

Dopo il nulla.

Che per un po’ e anche piacevole, ti vedi quello, cerchi quell’altro, ma poi …
Poi il cervello quasi ti va in pappa.

Dipende sempre da come si è fatti, dal carattere.

Ed io con il mio di carattere quasi esplodo.

Ho perso il filo, vedi, il cervello è in pappa.

Ah come fa a sopportarmi il mio capo mi sono chiesta, perché la reazione al nulla è come la quiete prima della tempesta, ma che dico è la tempesta dopo la quiete.

E allora parlo.
Ed esterno l’insofferenza di far poco.
E non tollero più.

E il mio capo, data questa tempesta, mi ha detto che lui non sa proprio come prendermi.
Ha detto che con questo mio atteggiamento alle volte gli ricordo Michonne.
Chi è Michonne?
Lei di the walking dead, con il katana.
La versione odierna della sposa di kill Bill.

Ecco.. Non sa come prendermi, dice che non sa mai quando impugnerò il katana.

Ma insomma, mi hai ascoltato fino ad ora e io te ne sono grata.

E quindi arrivo alla domanda:
Ma secondo te questo messaggio mandato dal mio capo dopo che sono uscita dall’ufficio:

  • volevo dirti che mi farebbe piacere poter condividere qualcosa oltre il lavoro – faccetta con le guance rosse –

…cos’è ?
Gli è forse venuta in mente un’assurda, chimerica, illogica, impensabile, insensata, infondata idea su come mi vorrebbe prendere?!

vita di PI – Pubblico impiegato – Riflessioni XXII

È proprio vero sai che quando sono triste poi io non riesco a parlare.
Non ne ho affatto voglia.
Che vorrei che il tempo si fermasse, perché io ne ho bisogno per riprendere fiato.

Cavoli non pensavo che sarebbe stata questa la mia reazione al fallimento del progetto cui mi sono dedicata negli ultimi mesi.

E ora mi ritrovo in questo ufficio che oggi detesto più del solito.
Ci sono anche dei nuovi assunti.
Buon per loro. Ma solo perché porteranno a casa qualche soldino, perché se pensano che questo lavoro sia pure interessante allora sono proprio sulla strada sbagliata.

Di questi nuovi assunti ne ho uno in stanza sai.

L’ho saputo da Ca perché io ero malata quando lui è arrivato quindi non lo avevo ancora visto fino ad oggi.
Oggi sono arrivata in ufficio alle 08.03, ho percorso il corridoio strusciando i piedi a terra insieme al mio muso che arrivava fino al pavimento.
La luce della stanza era già accesa e allora starà già lì il nuovo collega, mi sono saggiamente detta tra me e me, perché Ca a quest’ora proprio non arriva in ufficio.
E lui infatti era già seduto alla scrivania.

Cavoli io in questo periodo non posso essere certamente definita la collega dell’anno, e neanche quella che può fare formazione né dare speranza per un roseo futuro qui dentro.

Però ti giuro che ho sorriso, ho varcato la soglia e gli sono andata incontro porgendogli la mano e sorridendo.

Sì sorridevo invece!

ciao, benvenuto, sono Maria Emma!

Ha alzato lo sguardo, ha alzato anche le sue tante membra e mi ha stretto la mano dicendo buongiorno piacere di conoscerla per poi rigirarsi risedersi e rituffare il suo rubicondo viso a leggere della documentazione.

Fine della conversazione.

Non ha più rialzato la testa fino a che non è arrivata Ca alle 09.00.

Allora io volevo dirgli che va bene che è molto giovane, ma insomma non iniziamo ad andare d’accordo se mi dai del lei che così mi fai sentire vecchia e va bene che ho avuto la febbre a 39 quindi non godo certo di un viso che sprizza giovinezza e salute, ma volevo proprio chiedergli:

ma davvero sono ridotta così male?

Ma sì hai ragione, povero è appena arrivato deve ancora prendere confidenza.

Sì forse deve prendere confidenza anche con le elucubrazioni mentali del genere femminile che da un semplice lei di educazione trae come conclusione pensieri disastrosi sul suo stato fisico…

No, non è vero non sono la sola che trae queste conclusioni !

Io invece devo cercare di stare calma.

Stare calma…

Sì però cavolo l’ambiente non mi aiuta, il tentativo fallito dopo mesi di preparazione neanche, il lei di un ventiquattrenne ancora meno.

In my shoes – Carboidrati

Mangio i carboidrati.

Ho detto che mangio i carboidrati.

I CAR BO I DRA T I

Più di una volta a settimana.

Ho detto che li mangio anche più di una volta a settimana!

Non ci credi eh?

Che dici?
92?
Forse sì, forse era dal ’92…No, però dai forse no, dai il ’92 è troppo!

Beh forse sì tra alti e bassi direi che il ’92 non è poi così distante dalla realtà.

E quindi sì, mangio i carboidrati.

Perché a continuare a scansare i rigatoni per prendere solo il condimento si può diventare quasi pazzi sai?

Sì, si può sfiorare la paranoia a scegliere ad uno ad uno i pachino nascosti tra le mezze penne.

Si può sfiorare il delirio a mangiare solo il tonno tra gli spaghetti.

Si può sfiorare la psicosi a mangiare solo i funghi tra le fettuccine.

Lo squilibrio di voler mangiare sempre e solo proteine e verdure te lo porti sempre con te.

Ecco io da un po’ l’ho voluto lasciare indietro e non ho voluto più portarlo con me.

Certo non se ne esce mai.
Non avrò mai un rapporto sano con il cibo, ma intanto mangio i carboidrati.

vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XX – the place that sends you mad

Noi no.
Noi non andremo mai da nessuna parte.
Perché se un paese si ferma per le feste Natalizie in un momento come questo in cui siamo quasi alla canna del gas, allora non si merita non si merita nemmeno di risalire.

Perché non è possibile che dopo aver richiesto con largo anticipo tutti i permessi ti rispondano che non si è potuto fare nulla perché sono tutti in ferie.

E allora chiedi gentilmente se si può rimediare perché c’è una ditta convocata per l’inizio dei lavori che deve essere oggi e non puoi farli perché loro non hanno fatto nulla.

E allora capisci che per telefono non cavi un ragno dal buco e inizi a girare per i vari uffici per vedere dove sono le tue richieste.

Il divieto di sosta indirizzato alla polizia municipale.
L’occupazione di suolo pubblico diretta al settore urbanistica del comune.
La comunicazione di inizio lavori indirizzata al settore lavori pubblici del comune.
E allora vai per prima cosa al settore lavori pubblici del comune che il funzionario lo conosci e ti rispondono che lui è in ferie e allora chiedi con chi puoi parlare e scopri che se lui non c’è nessun altro se ne occupa.
Allora passi al settore urbanistica e ti dicono che è meglio che fai in modo non burocratico sperando che la polizia municipale chiuda un occhio perché per l’occupazione di suolo pubblico sulla domanda c’è scritto che ci vogliono venti giorni, ma di solito sono almeno trenta.
Perché ci vogliono venti giorni che poi sono trenta?
Perché la domanda arriva al settore urbanistica, giace alla posta fino a che non è matura e poi passa al protocollo e dal protocollo viene assegnata al settore competente e poi dal settore competente la inviano alla polizia municipale e poi la posta della polizia municipale la passa al protocollo e dal protocollo viene assegnata al settore competente e il settore competente decide a quali funzionari assegnarla e i funzionari devono organizzare il sopralluogo e poi dopo il sopralluogo si riuniscono e ne parlano con il responsabile e il responsabile decide cosa fare e poi la rimanda al settore urbanistica del comune e da lì giace nuovamente al protocollo e dal protocollo viene assegnata e poi…e vafff…
E allora chiedi due cose: primo perché mi hai detto trenta giorni? Tutto ‘sto giro ce ne vogliono almeno cinquanta.
Secondo: perché non posso fare la domanda direttamente alla polizia municipale?
Ma lui lo ignora.
Dopo tutti questi giri scopri anche che l’altra richiesta di divieto di sosta inviata via fax, email e raccomandata non va bene perché dovevi compilare il modello 4 da indirizzare alla polizia municipale.
E per compilare il modello 4 devi andarlo a ritirare e quindi è meglio passare di persona.
Però non si ritira dalla polizia municipale, ma si ritira al comune.
Ma non nei settori dove sei già stata devi andare al settore relazioni con il pubblico.
E il settore relazioni con il pubblico ovviamente non è nello stesso edificio del settore lavori pubblici e neanche nello stesso edificio dell’urbanistica, che ovviamente è diverso da quello dei settori pubblici e non è neanche nello stesso edificio della polizia municipale che ovviamente non è lo stesso dei primi due.
Allora continui a farti i chilometri e ti devi anche sbrigare perché sono ormai le 11.30 e tu hai iniziato la trafila alle 8.00 e alle 12.00 tutto chiude.
Una volta compilata la domanda al settore relazioni con il pubblico sono tornata alla polizia municipale e c’era ovviamente una fila spaventosa e per fortuna è passato un vigile della pattuglia che prima mi aveva dato indicazioni e mi ha fatto passare in un altro ufficio e ho lasciato la mia domanda.
Ora l’addetto compilerà la richiesta e poi la invierà al protocollo del comune e l’ufficio protocollo la invierà al sindaco e il sindaco dovrà fare l’ordinanza e poi dovrà re inviarla alla polizia municipale e la polizia municipale la invierà a me ed io potrò iniziare i lavori.
Ecco qui.

Ed io ero andata lì non come cittadino ma come funzionario di altro Ente pubblico.
Quando si dice la collaborazione tra Enti….

Oggi quindi i lavori non sono iniziati e io mi sento un po’ come quei personaggi:

the place that sends you mad

vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XIX

E ora te lo dico perché.
Perché ero nervosa. E quando sono nervosa preferisco parlare poco per non dire cose di cui poi mi potrei pentire.
È così che ho detto anche al mio capo quando ieri è rientrato dalle ferie.
E lui ha capito e si è ritirato nelle sue stanze.
Oggi sì, oggi abbiamo un po’ parlato, perché un po’ ho metabolizzato.
Cosa? Che qui le cose non funzionano.
Manager dei miei stivali…
Poveri noi.
Sì poi ti spiegherò meglio. Parte anche dal legislatore che ha creato questa figura del RUP e dalla nostra azienda che lo usa per cercare di scaricare responsabilità…
Ma sì che sono confusa.
E incazzata, sì ancora un po’.
Perché lo scarica barile in questo fine anno mi ha fatto vincere un incarico da RUP e solo perché ero l’unica a non essere andata in ferie e perché loro che fanno tanto i manager hanno creato una struttura che si occupa di immobili ma priva di un ufficio manutenzione, cosicché il primo che passa vince un incarico di responsabile e si accolla tutti gli oneri e pochi onori.

Bah

Che dici?
Sono diventata come il classico dipendente pubblico:

no, questo non è di mia competenza.

Oh cielo, questo mai.

Sì ne riparliamo tanto prossima settimana sarò in cantiere a seguire i lavori, avrò un po’ più tempo per parlare.

In my shoes – E infatti non lo è

È inutile che lo pensi, anche se in realtà non lo so se lo pensi.
Non è mica facile stare dietro a quello che penso.
Non riesco mica sempre a prendere appunti e alle volte non ho supporti informatici a disposizione, non ho carta e penna e scrivo nel mio cervello e poi non mi ricordo nulla.
O mi ricordo poco.
Alle volte solo l’argomento.
E poi ributtarlo giù a freddo non viene bene come mi sembrava buono quando lo scrivevo a caldo nella mia mente.
Sapessi come me ne dispiaccio.
Per questo porto sempre con cui scrivere.
Ma non è che puoi mica metterti a scrivere sempre.
Scusa un attimo che mi è venuto in mente questo.
E allora se non prendo appunti poi lo perdo.
Ecco cerco di ripeterlo nella mia mente. E mi dico dai che questa volta lo riscrivo pari pari.
E non succede mai.
Ecco ora che riparlo di questo vorrei tanto che mi venisse in mente quella cosa che ho scritto nella mia mente quella sera.
Che poi era solo questo.
Era solo questa la cosa che ci proibivate?
Si trattava di una cosa così bella e invece ci avete fatto venire una sorta di tabù.
Mi avete fatto venire per tanti anni un grande problema.
Tanti che pensavo che fosse un male.
E invece è così bello ed è possibile che una cosa così bella possa essere un peccato ?
Non ci credo più.
Fare l’amore è una cosa bella.
Se lo fai col cuore non può essere così brutto non può essere considerato brutto.
Ma lo avevo pensato in una maniera più profonda.
Non così banalmente come mi viene ora.
Ma ora mi viene così e così te lo racconto.
Non poteva essere come dicevano loro. E infatti non lo è.

20131213-210102.jpg

Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XVIII

C’è una cosa che non riesco a sopportare.
Sì hai perfettamente ragione: non è una sola…
Va bene, questa volta si tratta di incontrare i miei colleghi in metropolitana.
Ma non i miei colleghi stretti, cioè quelli che lavorano nella mia stessa sede, ma quelli che lavorano nella sede centrale.
E sai perché ?
Perché quelli camminano a testa alta, ti squadrano dalla testa ai piedi perché te sei della sede distaccata, loro, i centrali, si sentono i migliori, i geni, gli indispensabili, i manager internazionali, il futuro di questo paese, i risolutori dei nostri attuali problemi, gli scopritori del bosone, i progettisti della macchina che ci farà viaggiare nel tempo, gli inventori della pillola della eterna giovinezza, i realizzatori del come si chiama quello del capitano Kirk? Ah sì il teletrasporto. Gli inventori di…ok smetto.
Con le loro camicie inamidate, le loro giacche spazzolate, le loro 24 ore piene di nulla.

E io vorrei tanto dirgli che questo loro atteggiamento di superiorità è del tutto inutile, siamo tutti uguali, loro della sede centrale e noi delle sedi distaccate, siamo tutti dei semplici impiegati, senza alcun potere decisionale, operativo, senza alcuna autonomia professionale, burattini nelle mani di chi decide per noi, che tutti noi a cascata lavoriamo perché questo paese non faccia altro che sprofondare sempre più nel buco nero che hanno creato.
Spero solo che sia vera la teoria delle brane, degli universi paralleli, delle stringhe…
Sì insomma non ti so spiegare bene, non lo hai mai visto il programma wormhole?
Ecco quella teoria secondo la quale l’universo è una sorta di foglio e ci sono altri universi che sono altri fogli paralleli e i buchi neri o forse non sono quelli sono dei collegamenti spazio temporali tra gli universi.
Ecco io spero che dopo che sarò stata risucchiata nel buco nero poi in quell’universo parallelo in cui capiterò almeno riuscirò a fare l’architetto sul serio.

U come uomini – Andre Agassi – OPEN

Sentivo che mancava qualcosa, sì mancava qualcosa ma non capivo.
Così sono stata con questa sensazione di non riuscire a riempire un vuoto fino a che ho visto lui nella libreria di mio padre.

E il vuoto si è riempito.
Niente altro che un bel libro alle volte può riempire un vuoto.

Ho divorato la sua biografia, l’ho divorata in pochi giorni, ogni minuto libero, fino a che gli occhi non mi si chiudevano leggevo, fino a che non mi sono sentita sazia ho riletto alcuni passi anche dopo averlo finito, perché io faccio così.

E mentre leggevo ho rivissuto tutte le sue partite che ho visto, quelle dal vivo e quelle in tv.
Ho rivissuto la prima volta che l’ho visto nel maggio dell’87…
E poi sono andata su internet per rivedere quello che lui descriveva.
E poi ho anche pensato che io il tennis non lo seguo più come una volta…

Non sono brava a fare recensioni, io più che altro raccolgo citazioni per omaggiare un bel libro.

U come Uomini- Il Dentista

Uno degli uomini con cui sono sparita è stato il dentista.
Quando ha aperto lo studio sotto casa mia io ero al primo anno di università e lui per promozione lasciava bigliettini pubblicitari nelle cassette delle poste, e considerato che si trovava a 2 minuti a piedi, sono andata a fare la prima visita.
Lui ha una decina di anni più di me quindi all’epoca ne avrà avuti 29, la prima impressione è stata buona – e lo sappiamo entrambe che non esiste una seconda occasione per fare una buona prima impressione – è per questo che da quel giorno è diventato il mio dentista di fiducia e lo è rimasto per tanto tempo.
Perché la sparizione, la mia, risale a circa 3 anni fa quindi un rapporto dottore paziente durato circa 20 anni…non male.

Ahhahaha lo so sono di più ! Ma non si chiede l’età ad una donna!

Ecco, il dentista è sempre stato molto complimentoso con me, nel senso che mi riempiva di complimenti, con gli anni la complimentosità è aumentata in maniera esponenziale, non mancava occasione in cui non manifestasse il suo apprezzamento, il suo gradimento, il suo consenso, la sua estimazione.
Mi invento le parole?
Ah sì?…

Comunque…tutta questa complimentosità mentre io ero lì sdraiata a bocca aperta con il trapano che mi rimbombava nel cervello l’anestesia che mi addormentava dalla mascella alla tempia e che rimaneva così per le successive enne ore che non si sa perché ma io l’anestesia la smaltisco nell’anno del mai.

E mentre lui si prodigava in complimenti e approcci sempre più espliciti io ero lì che mi sudavo le mie sette camicie in preda ad un’ansia e una paura che solo il rumore del trapano mi provoca stesa sul lettino in pelle che poco aiutava la mia agitazione.

Col tempo la durata dei miei appuntamenti era assimilabile ad un lasso di tempo a dir poco infinito, no, no, non era una mia impressione, era proprio così, a quanto pare col passare degli anni ogni lavoro da eseguire sui miei poveri denti diventava man mano più difficile, è così che il dentista giustificava questa mia permanenza nel suo studio ed ogni appuntamento non era mai quello risolutivo.
Beh insomma all’inizio sì, ad un certo punto riusciva a sbrogliare il bandolo dalla matassa o come si dice.
Tra l’altro dopo un po’ ho iniziato a chiedermi come potessero sopportare questa attesa infinita i pazienti che avevano l’appuntamento dopo il mio.

Col tempo evidentemente la durata della mia permanenza sotto i ferri non era sufficiente e quindi finito l’appuntamento mi invitava nella sua stanza e mi mostrava una qualsiasi sciocchezza che custodiva lì.
Per esempio il suo Mac – no, non fraintendere, intendevo proprio il computer – le fotografie in esso custodite, la musica da lui preferita, i video di lui e la sua band.
Che devo dirti poi non era mica male la sua band.

Col tempo anche questo non risultava sufficiente così ha iniziato a suonare qualche pezzo dal vivo, grazie alla tastiera che teneva lì nella stanza dei balocchi appoggiata al muro, e mi invitava ad ascoltarlo accomodata su quel bel divano in pelle tre posti.
E tutto finiva quando la sua assistente bussava per sollecitargli l’appuntamento successivo.
Che devo dirti anche su questo suona e canta anche molto bene.

Col tempo forse ha visto che avrebbe dovuto coinvolgermi di più, così ha iniziato a chiedermi di unirmi a lui nel canto mentre suonava la tastiera.

Sì, è vero, te l’ho anche raccontato che una delle cose che mi sarebbe piaciuto fare, proprio come sogno nel baule, sarebbe stata la cantante e, non ricordo, ma credo proprio di avere omesso una cosa fondamentale:
sono stonatissima, ma non stonata normale, sono peggio di Flavia Vento quando cantava da Mammuccari…
Strana ambizione infatti la mia…ho cantato anche al matrimonio di mia sorella, l’ombelico del mondo di Jovanotti.
E poi ho cantato anche al compleanno di mia madre, che mio zio suona, come tutti i miei cugini, e cantano tutti oltre a suonare, anche mio padre canta, insomma in quell’occasione mio zio suonava e mentre io cantavo urlava:
tojeteje er microfono!

Comunque ovviamente non ho cantato con il dentista.

E più io non alimentavo i suoi complimenti più i suoi approcci diventavano insistenti.
È ovvio.

Col tempo ha iniziato ad inviarmi email con barzellette che diventavano man mano più spinte che puntualmente quando mi vedeva le richiamava e alludeva a quelle con approcci dal vivo.
Che dire..questo mi infastidiva un bel po e soprattutto quando una volta lo fece davanti al mio nipotino che all’epoca era proprio piccolo e poi a rispondere alle sue domande ero io mica il dentista.

C’è stato poi quel grave lutto che lo ha colpito ed il tutto ha subìto in arresto…

Non subito ovviamente, però dopo un po’ ha tentato nuovi metodi ed è iniziato il periodo dei racconti sulle sue avventure sentimentali.
Beh sentimentali…non so quanto sentimento ci fosse in effetti.
Con quei racconti immagino cercasse di alimentare la mia curiosità sperando di farmi accendere la lampadina della voglia di provare se fossero veri o meno…
Mmmh, no…non si è accesa alcuna lampadina.

E poi alla fine credo di aver capito che sia arrivata anche una storia più seria, ma lui con me cercava sempre di sminuirla tra uno sguardo strano della sua assistente e un suo ammiccamento.
E Giacomino si sposa!
Sì, ma niente di serio…

Certo durante i racconti sulle avventure sentimentali io rimanevo a bocca aperta, ma esclusivamente per il fatto che dentro c’era il suo trapano.
Aridaje! Hai ragione, continuo con questi fraintendimenti.

Che insomma lo sai bene, non è questione che io me la tiro, mi conosci, quando mi piace qualcuno non mi faccio mica problemi.
Qui la questione è un’altra ed è semplicissima:
a me il dentista non piaceva proprio.
Ed è questione che quando non mi piace qualcuno non c’è verso.
Anche se poi alle volte mi incaponisco…
Sì sì hai ragione, mi incaponisco domandandomi come mai non mi piaccia uno che insiste tanto e allora cerco di capire perché ed è per questo che poi un giorno ho accettato il suo invito, un giorno dico di sì, così, quelle cose così e tanto si aspettava un no come risposta che quella volta che ho detto si non ci credeva. Nemmeno io in fondo ci credevo.
E invece siamo usciti.

No, è andata bene, mi sono divertita.
Anche a vedere come non aveva affatto gestito bene la sua organizzazione con chi evidentemente lo aspettava a casa.
Che se squilla il telefonino e alla vista del chiamante inizi a tentennare, stacchi l’apparecchio al volo eliminando il kit viva voce e inizi a:
Non sento bene, la linea è disturbata, pronto, pronto…
E attacchi sorridendo dicendo ho il cellulare un po’ scarico meglio che lo spengo, a me viene in mente solo che la nostra uscita non è alla luce del sole.

No, non è successo nulla, la prova si è limitata all’uscita non sono andata oltre, strano sì questa volta è andata così.

E no, non ha desistito.
Anzi, ha incrementato. Ma incrementato così tanto che per due anni mi ha tenuto in cura un dente.
Due anni, una volta a settimana, per un’oretta circa, oltre agli inviti nella sua stanza.
E non guariva mai.

Ed è allora che io ho iniziato a spazientirmi, dai sono stata anche paziente, in tutti i sensi, e te l’ho detto anche altre volte che lo sono, qui.

Però poi basta.

Ho iniziato a rifiutare i post appuntamento nella sua stanza e a declinare in modo sempre meno diplomatico i suoi inviti serali.

E poi un giorno ho detto che non sarei più tornata che il dente me lo tenevo così che non ne potevo più e lui mi ha detto che così non mi avrebbe più visto e allora potevamo magari uscire insieme e io gli ho proprio risposto no, non ho voglia di uscire con te, con quel tono lapidario che mi esce quando sono all’esasperazione e quella mia espressione no way di cui ti ho già parlato qui.

Lui?

Lui:

“Peggio per te Maria Emma.
Tanto la tua bellezza non durerà per sempre e allora poi vedremo che succederà quando non avrai più inviti da rifiutare.”

Non sono mai più tornata.

I conti li ho saldati ? Certo che sì, per un lavoro incompleto.

Sparito lui?

Beh la verità è che mi ha wazzappato diverse volte, ma io non ho mai risposto.
Ora è un po’ che non si fa vivo.

Ah, il dente? Il dente con tre appuntamenti da un altro dentista ho risolto.

In my shoes – sparizioni

E che vuoi farci alla fine anche a me è capitato di sparire, un po’ alla chetichella, senza dare troppe spiegazioni.
Eh sì, lo so cosa pensi…
Ma guarda non ti credere, io le ho pagate le mie fughe, le ho pagate tutte.
E le ho pagate sia per analogia che per contrappasso.

E non è che non abbia dato spiegazioni perché non ci fossero motivi.
No, i motivi c’erano, ma magari non ho trovato le parole.
Non le ho trovate perché non pensavo fossero cose belle da dire.
Perché insomma mi accorgo che spesso le cose che penso potrebbero ferire l’altro, non è che sempre si possano servire dei pugni nello stomaco così senza pensarci.

Che poi alla fine anche sparire sortisce lo stesso effetto delle parole scomode. Fa male forse anche di più, il dolore è aumentato dalla vigliaccheria della sparizione.

Quindi sì è vero, non c’è bisogno che mi ripeti che io stessa molte volte ho preteso spiegazioni, mi sono ostinata a chiederle a chi è sparito dalla mia vita in silenzio.

Se vale per me il ragionamento dovrebbe valere anche per gli altri.

È che alle volte sarà la timidezza, o semplicemente paranoia, o è più semplice la timidezza? O sarà il senso di colpa o sarà che ho bisogno di sapere.
Sarà quello che voglio ma come io non fornisco spiegazioni non posso pretendere di riceverne sempre.
E non posso neanche sempre nascondermi dietro la timidezza e il senso di colpa.
Oppure sono loro che nascondono me?

Non è che possa sempre spiattellare in faccia alle persone ciò che penso.
Sì è vero alle volte lo faccio comunque, infatti poi lo vedo la faccia che fanno, quella faccia lì che mi accorgo che un po’ ho esagerato, che non ho fatto proprio tanto bene a dire la verità, la potevo un po’ edulcorare, così per renderla un po’ meno amara.

Che poi è la mia verità, magari per un’altra persona non è vero, quindi perché buttare giù qualcuno solo perché io la penso così.
Sìi certo ogni tanto qualcuno te le tira proprio fuori eh? Sì ci sono quelli che mi stuzzicano, probabile che io gli stia anche sui marroni.
Marroni ? Mica sono del nord io, ma marroni mi sembrava meno volgare. Coglioni? Sì dico coglioni allora.
Probabile che io gli stia sui coglioni, mica no e allora mi vedono che c’è l’ho sulla punta della lingua e mi provocano per vedere fino a che punto arrivo.
Come il mio collega di stanza che infatti gli ho sbottato e glielo ho detto, però dopo 5 anni nella stanza dai, va bene.
Sì in effetti anche altre volte ho sbroccato, e va bene mi vengono questi termini, ma lo sai che non sono così brava con le parole, insomma sì ne avevo parlato anche qui. E allora è accaduto di nuovo e glielo ho detto che è un gran rompicoglioni.
Si proprio così, ho proprio detto: sei un gran rompicoglioni.
Che con tutte queste parolacce mia madre mi avrebbe mollato un ceffone, con la mano quella con l’anello che era l’orecchino di nonna, non di mia nonna, della sua, la mia bisnonna, quell’anello che ora porto io e lo porto sempre con me perché insieme a lui porto con me anche tanti ricordi.
Che poi quando mi succede non mi sento mica tanto in pace con me stessa.
Ho questa cosa qui: se penso una cosa brutta di una persona e gliela dico poi non mi sento bene.
Però alle volte invece mi sento bene.
Sì va bene dico una cosa e poi tutto il contrario.
Bizzarra
Un po’.

Una degli uomini con cui sono sparita è stato il dentista.
Poi te lo racconto.

20131001-161419.jpg

U come Uomini – l’ingegnere

Come…?
Non hai capito?
… Eh no infatti stavo più o meno borbottando…che mi viene così…
Dicevo che l’ha rifiutato…insomma sì lo ha aiutato perché pare che sia regredito del 20% che dai non è male.
Dice che era preso da un cordone ombelicale.
Beh non so spiegarti meglio, lui si me lo ha spiegato sono io che non ho capito bene come funziona…
Insomma ora deve fare il trapianto di midollo… Sì è in una lista internazionale.
Sì perché dice che ne avevano trovato quattro qui in Italia di donatori compatibili, ma poi si sono rifiutati…
Sì erano nelle liste, ma poi alla chiamata si sono tirati indietro…
no questo non lo so, non so come funziona…
Sì pare che poi alle spiegazioni dell’operazione e del post operatorio poi si siano spaventati…
Eh no..non lo so se glielo spiegano già quando diventano donatori..non le so io queste cose…

Lui?
Lui era un po’ arrabbiato, un po’ triste, ma anche allegro, insomma lui ha sempre quel suo bel carattere..
Che poi diciamocelo è quello che lo manda avanti.

Abbiamo preso un aperitivo, anche se lui non avrebbe potuto.
Mi ha fatto vedere le foto, sì si faceva le foto durante le cure! Con quelle espressioni lì che fa lui, con quel sopracciglio alzato, senza capelli, senza più i suoi baffetti, con tanti chili in meno, che a vedere certe fotografie glielo ho detto che non sembrava neanche lui, però sempre un gran bel marcantonio, che lui lo è anche con la mascherina e la flebo attaccata al braccio.

Sì certo, lo so bene anche io che sono di parte.
Io con lui ho interpretato molti dei ruoli che si possono interpretare nelle relazioni tra uomo e donna: amici, amanti, fidanzati.
Ci sono stati indifferenza, amore, odio…

Poi lui mi ha detto sai quando finirà tutto questo mi sposerò, ma non immagini con chi, nessuno immagina con chi.
Abbiamo iniziato a rivederci già da un po’.

E io l’ho guardato e gli ho detto con Sara.

Come hai fatto?

E come ho fatto…io ho sempre pensato che non vi sareste mai dovuti lasciare, io vi ho visti insieme e si vede…si vedono tante cose.
Sono contenta. Sono contenta se vi sposate.

Ma sono triste ed ho paura ho paura di non rivederlo ho paura che non si trovi nessuno.
E mi ripassano in mente tutte le immagini…

Che te le racconterei pure ma non hai idea di chi è appena entrato in metro … Ah lo senti eh?! Certo la voce roca inconfondibile di chi la vita se l’è quasi completamente fumata, dovresti vedere come è di aspetto, è ugualmente roco. La sua voce ha mandato in frantumi i miei pensieri.

Te ne dò novemila, novemila a fine ottobre e poi non se ne parla più. Cinquemila? Cinquemila te ne bastano?

È arrivata la mia fermata. Provvidenziale.
Tutto sommato provvidenziale anche il roco che mi ha aiutato ad uscire dal vortice di quelle immagini e dai pensieri bui dove stavo precipitando.

A come Amore – Nipotino e sfumature

  • Zia ora che mi aiuti con i disegni, mi puoi spiegare anche le sfumature, che l’altra volta che le ha spiegate la maestra d’arte non le ho capite.

Così mi sono imbarcata in una spiegazione di teoria delle ombre, con tanto di esempio pratico, lampadina, oggetti illuminati, formazione delle ombre, colori professionali di tutte le sfumature e tonalità, prove colore su fogli bianchi, come fare il tratto, come la sfumatura, non pigiare troppo sul foglio, e..

  • Zia!?
  • Sì?
  • Ho capito! I tuoi capelli ce l’hanno perfetta la sfumatura, vieni allo specchio ti faccio vedere: qui sono marroni, poi diventano arancioni e poi diventano gialli!

(devo urgentemente andare dal parrucchiere…)

Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XVII

  • Maria Emma l’Azienda mette a disposizione un posto per far partecipare un dipendente ad un master in Project Management. Ti interesserebbe partecipare?
  • Si certo, capo.
  • Bene perché ti ho già proposto come persona della nostra unità organizzativa. Certo questo ha creato un disaccordo: lei si è risentita, perché quando ha saputo che avevo proposto te mi ha detto che voleva invece farlo lei e si è arrabbiata.
  • ah… beh io non sapevo neanche ci fosse questa opportunità… Mi spiace si sia creata questa incomprensione…comunque grazie capo mi fa molto piacere che tu mi abbia sponsorizzato.
  • Ma figurati non c’è bisogno di ringraziamenti.

….

  • … Come funziona ora la scelta tra i candidati?
  • A sorteggio.
  • ah…di solito non sono molto fortunata…però non si sa mai. Magari questa volta sì! E quando ci sarà il sorteggio?
  • Lo stanno facendo ora.
  • … Ora? E chi lo fa?
  • I responsabili delle altre unità che hanno proposta altri candidati.
  • Capo ma come!? Nella fase più importante tu non ci sei?! Non vedi come andrà il sorteggio?!
  • Tanto, Maria Emma, è inutile che io ci sia, lo sai come vanno le cose qui, ci sono altri tecnici sponsorizzati da qualcuno di più importante, non credo proprio sarai sorteggiata.
  • ….

In my shoes – Pazienza

E che faccio un elenco?
Diventerebbe noioso e poi poco produttivo.
Non renderebbe il vero senso.
È che nella vita alla fine ho imparato ad avere pazienza.
L’ho coltivata piano piano.
Credo che ognuno di noi nasca con un qualcosa di default.
Io sono nata con il default di avere pazienza, anzi di dover necessariamente avere pazienza, perché le cose non mi vanno mai lisce come dovrebbero, e per raggiungere qualcosa devo sempre superare degli ostacoli inaspettati, imprevisti, piccoli o grandi che siano.
Come in un labirinto per raggiunger il centro di quello che vorrei fare devo zigzagare tra varie siepi di contrattempi, o di intoppi, trovo sempre qualcosa che mi blocca.
Stupidaggini o cose serie.
Ma io non lo dico mai.
Non me ne lamento perché mi sembra che sia normale.
Mi sembra che poi se le racconto, se racconto i contrattempi assurdi o meno, tutti mi potrebbero rispondere che è normale, tutti incontrano difficoltà.
Ma io su tutto.
Che ne so.
Che ti dico.
E se te lo dico poi entriamo nel circolo vizioso della lista e di te che mi dici ah si va beh ma questo pure mi succede a me, quest’altro è successo a mio cugino, a mia sorella, a mia zia e così via.
E infatti non ne parlo mai.
Ma ora ti vorrei solo raccontare quello che mi ha detto Ca.
Ca la mia collega, quella che x fortuna che c’è nella mia vita di PI, te ne ho già parlato altre volte.

Insomma io e Ca parliamo tanto.
Bene o male con Ca passo molto più tempo che con le persone della mia famiglia…
Direi che Ca è proprio un amica x fortuna.
E quindi io so di lei cose, lei di me altre, e ne sappiamo tante.
L’altra volta le raccontavo di questa cosa importante che io e Lui stiamo portando avanti.
Delle solite mille peripezie che ho dovuto fare e che sto facendo per raggiungere un qualcosa che per altri è stata una cosa semplicissima.
Insomma gli racconto l’ultima cosa che è successa.
Lei tace x un po’.
Poi mi guarda.

ca&&o Maria Emma, non ci posso credere.
Ma è possibile che te ne capitano di tutti i tipi?
Io non ho mai sentito tutte queste vicende strane accadute ad una sola persona!

Ecco insomma io te lo racconto non per avere una sorta di comprensione o di compassione, no!
Te lo racconto perché finalmente ho trovato qualcuno che mi ha confermato quello che pensavo, sono un concentrato di situazioni di intralcio!
Che non sono veri e propri problemi, sono intralci!
Ho sempre un qualche cosa che intralcia i miei obiettivi e devo impiegare il doppio del tempo per raggiungerli!

Insomma è consolatorio sapere che qualcuno che mi conosce bene e conosce bene le mie vicende, senza alcun imput da parte mia, abbia pensato ciò che penso io!

Però in un certo senso è un bene.
Perché io grazie a questo ho pazienza. Tanta pazienza.
L’ho esercitata per anni.
E questo è un bene.

Capita a tutti di pensare così di loro stessi?

Vedi…lo avevo detto io che non te lo dovevo raccontare.

Va bene, pazienza.


la rosa meditativa – Dalì

U come Uomini – Zio, il ricatto

Tre minuti.
I treni nel periodo estivo sono rallentati, le corse sono di meno, vanno giustamente in ferie.
I conducenti intendo.

Mi viene in mente – È vero … L’ho già detto – che io la metro non l’avrei mai presa in vita mia se non fosse stato per il mio primo lavoro da impiegata.

O meglio penso che non lo avrei mai fatto, ma poi sai come è la vita: non si sa mai.
Scopri sempre cose nuove.
Come quella che ho scoperto io.
Che poi ho scoperto anche che ero l’unica della famiglia che non lo sapeva.
Sembra sempre che la piccola di casa non cresca mai.
Mi hanno detto del ricatto che ha fatto mio zio a mio padre.
Non me lo hanno detto prima per non farmi arrabbiare.
Perché in mezzo a quel ricatto c’ero proprio io.
Io che non gli avevo mica chiesto niente.
Lui ha fatto e disfatto tutto.
E mio padre, che poi dei fratelli è quello più tollerante, nella sua grande intolleranza verso il genere umano (quindi pensa gli altri), ha lasciato correre.
E me lo ha raccontato solo pochi mesi fa.
Dopo 11 anni.

Così io adesso a mio zio lo voglio vedere il meno possibile.
Che già non era il mio zio preferito. Che il mio zio preferito purtroppo non c’è più da tempo.

Era uno scherzo, mi hanno detto che sarebbe venuto anche lui a cena.
Beh ovviamente non quello, lui non c’è più.
Magari fosse stato lui.

Gli ho detto: scherzi?
No.
Dimmi che scherzi.
No.
Io non vengo: Mi rovinerebbe la cena. Io lui non l’ho mai sopportato tanto, ma dopo quello che ho saputo ancora meno.
Ma è il compleanno di zia.
Pazienza, zia capirà.

Io l’ho detto?
Io.
Pensavo di essere l’unica a pensarla così
E invece quando poi hai il coraggio di tirare fuori certe cose scopri che ci sono loro che la pensano come te e tu non lo sapevi.
Possibile che io, quella che della famiglia che parla di meno, quella che si tiene sempre tutto dentro o al massimo lo tiene su un foglio di carta, debba essere la prima che parla?

E allora poi si dice che non si invita perché sennò Maria Emma non viene.
È una specie di scarica barile su l’unica persona che ha avuto il coraggio di dirlo ad alta voce che lui è insopportabile.
E poi scopro che anche mia sorella ormai a lui non lo sopporta più.

Lei però lo sapeva già da tempo del ricatto.

Ma lei è brava a mantenere sane pubbliche relazioni.
Io no.

A me basta e avanza mantenere buon viso a cattivo gioco un giorno l’anno, il giorno del fatidico incontro con tutta la famiglia per Natale.
Per il resto dei giorno posso anche farne a meno.
Perché altrimenti gli vorrei dire che i bambini vanno trattati bene.
Che le urla, le minacce, il tono duro, i ceffoni, gli sguardi di rimprovero ti rimangono dentro.
Che i bambini lo sentono quando non sono graditi.
Che i sogni degli adolescenti non vanno denigrati, derisi, ridicolizzati, ma andrebbero incoraggiati.
Gli direi che non si mettono in imbarazzo le persone davanti al loro fidanzato, che non è divertente fare delle battute di spirito di dubbio gusto.
Gli vorrei dire che le persone vanno rispettate.
Che io lo trovo insopportabile con quella sua perenne espressione di disgusto quando qualcuno gli parla di se.
Lo trovo insopportabile quando non ha mai una parola buona per qualcuno.
Trovo insopportabile la sua eterna critica nei confronti delle idee e dello stile di vita di chiunque tranne che quello di sua figlia.
Trovo insopportabile quando lui ci dice quanto lei sia intelligente.
Trovo insopportabile quando lui ci dice che quello che fai lei è fantastico, che il suo lavoro e bellissimo e lei è bravissima.
Ma quale lavoro scusami??!! – gli vorrei urlare in faccia!
Quale lavoro se non ha bisogno di lavorare per vivere?
Ah ho capito.
Ma quelli non sono lavori, quelle sono passioni che lei fortunata riesce a coltivare perché non deve per forza alzarsi la mattina e timbrare un cartellino o avere a che fare con un capo o con dei dipendenti o con che so io!
Quale bravura c’è nel vivere coltivando i tuoi hobby e basta perché tanto non hai problemi ad arrivare a fine mese?!
Sarebbero bravi tutti!

Beh sì, sì è ovvio. Quello che leggi nelle mie parole è sia rabbia che invidia.
Si invidia.
Sono umana. E gli esseri umani la provano l’invidia. Che poi ci sono quelli che si nascondono e dicono “è un invidia buona”. Boh io non lo so se la mia è un invidia buona… Mi sa tanto che è cattiva…un invidia cattiva.
Eh beh, mica possono essere tutti buoni.

Così io l’ho detto.
E, come capita spesso, io divento la scusa per fare una cosa che tutti avevano in mente, ma che non avevano il coraggio di fare.
Benissimo addossate tutte le responsabilità su di me liberando la vostra coscienza, che i pensieri cattivi su altri esseri umani non sono cristiani. Dovremmo sopportare ed offrire al Signore le nostre sopportazioni.
E no.
Oggi no.
Oggi io non voglio mettermi in questa situazione.
Oggi io sono cattiva come la mia invidia.
E forse non è limitato ad oggi.
È ora che si dicano le cose come stanno.

Non te l’ho raccontato bene il ricatto.

Ci sarà occasione.

E non so nemmeno se ricatto è il termine esatto.