Vita di P.I. – Pubblico Impiegato – Riflessioni XXXI

“**Le brave ragazze non fanno carriera. 101 errori che le donne fanno sul lavoro**” è un libro che mio padre mi ha regalato poco dopo che sono diventata un’impiegata.

Adesso non ricordo se tra quei 101 errori ci fosse anche quello per il quale io sicuramente anche quest’anno non la farò, ma sono certa che dire al mio mega Direttore:

“*Credo di essermi spiegata male perché la vicenda è un po’ più complicata di così, secondo me la soluzione da lei proposta non è la migliore per risolvere questa situazione, magari torno anche con le planimetrie e rivediamo tutto*”, come ho fatto io l’altro giorno, è sicuramente da mettere nella lista.

Infatti dalla sua espressione direi che nella sua testa la prima parte della frase è risuonata più o meno così: “*Lei non ha capito un’emerita mazza, mi chiedo come abbia fatto a diventare Direttore*!”

Seguita a gran voce dalla seconda parte della frase, che molto probabilmente sarà riecheggiata diverse volte nella sua mente come l’opinione di Fantozzi sulla corazzata Kotiomkin: “*La sua soluzione è una cagata pazzesca! CAGATA PAZZESCA! PAZZESCA! ESCA! ESCAAA*!”

E non ho neanche ricevuto i 92 minuti di applausi dai colleghi presenti, probabilmente ***ESCAAA*** era l’unica cosa che il mega Direttore avrebbe voluto dirmi.

Nei miei pensieri immaginavo mi chiedesse di ritornare con le planimetrie per analizzare meglio una vicenda che iniziata nel secondo dopoguerra non è stata ancora risolta, apprezzando il fatto che io mi ci stessi dedicando a dispetto dei miei predecessori che l’avevano lasciata nel cassetto lavandosene le mani per tutti questi anni.
Ma questo succede solo nei film.
Nella realtà della P.A. Italiana quello che dice il mega Direttore è legge, ed infatti mi ha congedata a data da destinarsi, quindi meglio dire che mi ha congelata.

Non oso immaginare cosa dovrei farmene delle planimetrie secondo il mega Direttore, speriamo non abbia avuto la stessa idea che ha delicatamente espresso Gasparri per boicottare l’Ikea favorevole alle unioni civili…

Ed ora?

Dovrei forse imparare a comportarmi come fanno le mie colleghe che sperticandosi in moine danno sempre ragione al mega Direttore complimentandosi per l’eccellenza delle sue idee che scaturiscono dalla una mente geniale e infallibile, tra sbattiti di ciglia, sorrisi, e agitamento di chiome, folte o meno che siano.

Oppure dovrei fare come suggerisce mia sorella che tiene corsi per manager, proporre la mia idea in maniera più diplomatica, senza mai parlare in “negativo”, avrei potuto dire: “Si questa potrebbe essere una delle soluzioni, ed insieme a questa potremmo fare anche…bla bla bla”.

Oppure dovrei ….

Rileggere meglio il libro.

Annunci

Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XXIX

Lo avevo già detto da qualche parte che in questa vita ho tante occasioni per esercitare la pazienza.

Vorrei saper scrivere bene per poter inaugurare una nuova saga:
Lo zen e l’arte della pazienza nella vita di un impiegato pubblico.
Potrebbe avere un nutrito pubblico, seguaci curiosi di conoscere il segreto per sopravvivere alle giornate lavorative farcite di rallentante burocrazia, non tanto con il corpo sano, ma soprattutto con la mente sana.

Così, prima di entrare in ufficio, durante il passaggio attraverso il limbo che mi porta a sorpassare la mia personale porta sulla vita parallela da impiegato, io cerco di concentrarmi, cerco di rilassarmi affinché le successive otto ore siano impattanti nel minor modo possibile sulla mia sanità mentale.

Dopo gli ultimi risvolti di un altro anno senza riconoscimenti, né economici, né morali – perché anche le valutazioni lavorative sono state a mio modesto avviso penose, soprattutto se confrontate con le valutazioni dei miei più stretti colleghi – la mia pazienza, la mia calma, la mia mente sono sottoposte a dure prove quotidiane, che, ti dico con gran sincerità, non riesco a superare brillantemente e spesso soccombo ad una rabbia difficilmente incanala bile in qualcosa di costruttivo.

Ma questa mia crescente incapacità di incanalare la rabbia l’ho scoperto solo dopo.
Dopo che?
Dopo che sono andata a parlare col mio capo dei premi e delle valutazioni.

Ero infatti sicura, sicurezza data da ormai anni di esperienza e di esercitazione sulla pazienza, di poter andare a parlare con il mio capo per rappresentargli con calma, dignità e classe, la mia disapprovazione totale nei confronti della mancanza di riconoscimenti.

Avevo intenzione di rimostrare in modo elegante, di contestare in maniera raffinata, usando parole ricercate e di impatto,, sicura che ne sarebbe uscito fuori un forbito discorso, fluente, inappuntabile e brillante, che mi avrebbe aperto porte, anzi portoni, su un futuro lavorativo pregno di gratificazioni.

D’altra parte mi ero preparata da giorni il discorso.
Era lì nella mia mente , lo avevo lasciato decantare, affinché diventasse più armonioso ed elegante lo avevo provato anche in sintonia con delle espressioni facciali.

Ero pronta, ne ero sicura, la calma aveva preso il sopravvento ed io ero pronta a dominare la mia rabbia e la mia delusione.

Ed eccomi, approfittando di un momento di pausa dal lavoro del mio capo che entro nella sua stanza chiedendogli un colloquio.

Dopo un inizio brillante, calmo, dignitoso e raffinato….
È andata più o meno così:
(Io sono quello al centro ovviamente, e il mio capo è quello steso…)

Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XVI

Guarda che qui l’unica strana sono io.
Qui si rubano le pratiche, ma solo quelle che fanno produzione, il resto può rimanere a marcire negli appositi contenitori di plastica con su scritto “da lavorare”, poco importa di cosa si tratti.
Ieri mi ha chiamato un C.T.U.
Non era una pratica che faceva produzione ed in più riguardava una annosa ricerca di documentazione per una causa in provincia.
Ovviamente il capo l’ha data a me, che sono l’unica cui non importa assolutamente nulla dei numeri, delle valutazioni, dei codici rintracciabili per la produzione, di quanto fanno gli altri se è più o meno di quanto faccio io, a me importa lavorare bene, risolvere questioni e cercare di mandare avanti quelle che giacciono nei contenitori, perché ci sono persone che aspettano, e loro non possono aspettare solo perché le loro pratiche non sono consuntivabili, che io mi chiedo se alcune persone qui dentro abbiano idea di cosa sia lavorare.
No, non è vero non mi sto dando le arie, sì ogni tanto penso di essere migliore lavorativamente parlando, altre volte riconosco la preparazione altrui, altre volte non sopporto nessuno, compresa me stessa.
Ma insomma, quello che a me importa e che mi da soddisfazione è per esempio quello che è successo ieri che quando il C.T.U. ha telefonato si è stupita che io le avessi già inviato i documenti richiesti, credo avesse chiamato già pronta ad una sorta di lite con la burocrazia.
Ecco.
Alla faccia delle vostre consuntivazioni.
E io però devo capire il mio capo a che gioco gioca.
Che ora si è imparato l’allert di outlook express.
Così non ti parla quasi più e indice riunioni prima con email poi inserisce l’evento riunione che ti appare lampeggiando per ricordarti che hai la riunione.
Come?
Ricordati che hai la riunione!
Va bene.
Ricordati che hai la riunione!!!
Sì, sì…mò me lo segno proprio…c’ho una cosa…non vi preoccupate…

Sì ho capito quando mi dici che è normale, che si fa così.
Ho capito che non capisci di cosa mi stupisca io.
È che non so come fare a spiegarti che qui è un mondo strano, un mondo di scarica barili.
E dai che te l’ho già raccontato altre volte.

Chi è abituato a lavorare non è che si può stupire tanto.
La stupefacenti e/o stupidità del fatto sta nel fatto (appunto) che alcuni non hanno visto altra realtà lavorativa che questa.
È chiaro che il loro metro di parametro (niente mi vengono le ripetizioni) sia sfalsato.

E ieri che portavo a spasso i cani ho incontrato il miglior professore che abbia mai avuto in vita mia.
Il prof. dell’università di uno dei più impegnativi esami del biennio, che mi ha fatto piangere, ridere, sperare, arrabbiare, perdere amicizie e acquisirne di nuove, nulla per me a confronto di esami come scienza o tecnica delle costruzioni, l’esame di geometria descrittiva.

Lui faceva lezione sempre in un’aula magna gremita fino agli ultimi banchi, l’unico che negli anni della pantera e dei suoi strascichi non ha mai saltato una lezione, l’unico che ci diceva la verità ossia che l’architettura in Italia era finita, che saremmo dovuti andare all’estero, che la Germania sì, la Germania ci avrebbe superato con la sua architettura, ed il muro era appena crollato.

Ecco qui.

Quando lo vedo mi emoziono.
Lui mi guarda e mi dice che tre cani in effetti sono impegnativi. Gli sorrido e lo fisso per un po’.
Lui inizia a cambiare espressione.
Eccerto lo sto fissando come un’allocca.

Lei è stato il mio professore all’università.
Lei è stato il miglior professore che io abbia mai avuto.
Ricordo ancora la prima lezione che ci fece.

Lui allora si rilassa e sorride.
E sorride tanto.
E mi dice grazie.

Grazie a lei professore.

Ti sei laureata, mi chiede.

La percentuale di laureati all’epoca, rispetto agli iscritti, era bassa, tanto bassa.

Sì, prof, 16 anni fa.

Sorride.

E fai l’architetto?

Ed ora sono io che cambio espressione, che mi cala un velo nero sul volto.
L’architettura la mia grande passione, mi sono lasciata convincere così, che il posto fisso è buono, che il posto fisso è un bene.
Ecco che fine ho fatto.

No, prof.
Faccio l’impiegata.

Ora non sorride più neanche lui, ma fa una smorfia.

Neanche tu, è ?

Perché diciamolo, lo sai che una larga percentuale di architetti non fa l’architetto. Ti ricordi quando sono andata a pagare il bollo della macchina, ecco si quel ragazzo lì, anche lui è architetto. Eh, sì, ha aperto un punto Aci. Ecco sì.