Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XV

Alla fine si è licenziata

La sua sopportazione era al limite.
Ma lei non era fatta per questo posto.
Entrata a 21 anni e 75 mesi a riempire file.
File che alla lunga ti compromettono la stabilità, mentale e fisica.
Perché non si può stare otto ore al giorno a riempire dei fottutissimi file per 75 mesi senza che nessuno ti dia nemmeno una pacca sulla spalla per incoraggiarti.
Non si può fare se sei un giovane che hanno assunto con l’obiettivo di formarti.
Non si può pretendere di abdicare la formazione ad un file da riempire
Non si può pretendere che un giovane sia spronato se per 75 mesi, pur svolgendo il proprio alienante lavoro senza vedere la luce al di fuori del tunnel, rimane al livello minimo del contratto nazionale.
Quando davanti a te sfrecciano ai livelli più alti senza il minimo controllo.
Non si può pretendere di appellarla come irriverente e ingrata se si lamenta che nessuno investe nella sua formazione.
Perché intanto ci servì lì e se ti lamenti puoi anche andartene perché il tuo posto lo rimpiazziamo subito con la figlia di un amico mio cui devo un favore.
Cosa vuoi la formazione?
Ti devi autoformare.
Cosa vuoi un livello in più?
Mi devi dimostrare che te lo meriti.
Come faccio a dimostrare che me lo merito se mi fate solamente compilare un file pieno di dati.
Non è sufficiente dimostrare di raggiungere e superare gli obiettivi annuali assegnati?
Come faccio se la mia più impegnativa mansione è control c e control v?
Non lo fai.
E loro hanno vinto, perché ora il tuo vuoto diventa un nuovo posto a tavola che c’è un amico in più da accontentare.