Forsan et haec olim meminisse iuvabit

Eccomi ci sono di nuovo.
È come prendere fiato dopo una lunga apnea.
Ho questa immagine in mente, l’immagine di quando sei sotto l’acqua del mare e guardi su, la vista è increspata, l’udito è ovattato, i movimenti leggeri, sembra tutto lontano, sai che la vita intorno a te scorre, tutto scorre sempre, lo sai bene, ma tu sei in pausa.
Ti piace essere in pausa, ti piace non riuscire a percepire chiaramente ciò che c’è intorno a te e ti viene un sottile desiderio di poter rimanere in questo stato per un po’ di tempo, solo un altro poco, ancora un po’, perché lì sotto non sei obbligata a confrontarti con gli altri, con le situazioni, ci sei solo tu. E il confronto con te stessa lo riesci a gestire è quando ti devi confrontare con gli altri che vacilli che ti metti in discussione, e questa però è la vita cara mia.
Ma poi il fiato si accorcia, gli occhi bruciano e la necessità di tornare in superficie diventa fortissima e proprio quando sei allo stremo delle forze l’istinto di sopravvivenza fa di tutto per farti tornare su a respirare profondamente, a udire distintamente, a vedere chiaramente, e questa è la tua vita cara mia, grazie al cielo.
Perché alla fine non si può e non si deve scappare, soprattutto da se stessi.
Sai perché ho questa immagine in mente?
Perché è come se fossi stata sotto l’acqua per un po’.
E sono stata lì perché avevo bisogno di guardare senza vedere troppo, di sentire senza ascoltare molto, di parlare senza approfondire.
Perché?
Diversi motivi legati per lo più ai distacchi terreni.
Agli inevitabili distacchi che fanno parte della vita.
Amara consolazione sapere che sono parte della vita e sono inevitabili.
Non si è mai pronti comunque.
Ora però ho bisogno di stare in superficie e so che posso rimanerci.
Forsan et haec olim meminisse iuvabit.

> Forse questo fatto del respirare mi sta sfuggendo di mano

Annunci

Vita di PI- Pubblico Impiegato – Riflessioni XIII

Oggi si è uno di quei giorni quei giorni che conosco bene quelli che ti si blocca il respiro quelli che sento che qualcuno sta stringendo le sue dita contro il mio collo e mi impedisce di respirare, i respironi li chiamavo da piccola, si perché non riuscivo a incamerare aria e allora respiravo il più profondo possibile ma non era mai sufficiente e ogni respiro cercavo di farlo più profondo e dicevo a mia madre che non riuscivo a respirare.
La mano non allentava la presa e mi assaliva l’angoscia e allora per farla passare mi immaginavo dall’esterno, e vedevo me stessa prima da vicino, poi sempre più in lontananza, io dentro alla mia camera, io dentro la mia camera all’interno del mio palazzo, io dentro la mia camera all’interno del palazzo nel mezzo del comprensorio, io dentro la mia camera all’interno del mio palazzo nel mezzo del comprensorio dentro il quartiere, io dentro la mia camera all’interno del mio palazzo nel mezzo del comprensorio dentro il quartiere nella parte est della città, io dentro la mia camera all’interno del mio palazzo nel mezzo del comprensorio dentro il quartiere nella parte est della città nel centro della regione, io dentro la mia camera all’interno del mio palazzo nel mezzo del comprensorio dentro il quartiere nella parte est della città nel centro della regione nel mezzo dell’Italia, poi iniziavo a vedere immaginare l’Italia dall’alto, con i paesi confinanti, i continenti, il mondo, che si faceva più piccolo fino a che non arrivavo nello spazio e nell’universo ed era una sensazione magnifica di libertà assoluta avevo a quel punto perso qualsiasi contatto con cosa e con chi mi stava vicino e vagavo, fluttuavo in un mare limpido di serenità.

Non riesco più a farlo.

Ed oggi invece sarebbe uno di quei giorni, che io non resisto più in quel posto, che non lo si può neanche dire a voce alta che ti rispondono che sei fortunata ad avere un posto di lavoro.
Che non è infatti quello, è tutto l’intorno di quel posto di lavoro che mi soffoca.