Memento

Mi capita spesso, più di quanto effettivamente sarebbe lecito che mi capitasse.

Mi perdo.

Non mi perdo fisicamente, mi perdo mentalmente.

Il mio corpo rimane lì, può trovarsi in qualsiasi luogo, può trovarsi circondato di persone, queste possono essere persone conosciute o meno, possono essere delle persone cui sono legata affettivamente oppure possono essere a me totalmente indifferenti.

Il luogo può essere all’aperto o al chiuso.

Non esiste nessun motivo scatenante, la mia mente all’improvviso decide di staccarsi completamente dal mio corpo, dai luoghi, dai suoni, dai colori, dagli odori e inizia un viaggio.

Comincia un percorso, con scarti improvvisi può cambiare direzione,  grazie a collegamenti apparentemente illogici vira e inizia un nuovo tragitto, si estranea completamente dal resto, i miei 5 sensi sono congelati.

Un mio amico fotografo mi ha ritratto in uno di questi momenti, ho tenuto la foto, mi ha incuriosito vedermi dal di fuori in un momento che io da dentro conosco così bene, curioso vederlo da un’altra prospettiva.

Questi voli francamente mi piacciono, oppure ci sono semplicemente abituata, quando ero piccola lasciavo che la mia mente girovagasse senza problemi, crescendo ho cercato di controllarli perché ci sono effettivamente alcuni disagi:

– mi perdo, nel vero senso della parola, dei momenti della vita reale.

– non sono ancora brava nell’atterraggio, alle volte non ho il tempo di individuare la pista sottostante, il carrello non scende in tempo e l’impatto con la realtà è piuttosto turbolento.

– non riesco a riprendere immediatamente confidenza con il presente, poco male quando sono sola, con amici o familiari, peggio quando mi trovo in ambiente lavorativo. Per questo motivo la mia scrivania e lo schermo del computer sono tappezzati di post it che mi rammentano in tempo reale cosa devo fare una volta atterrata in questo bizzarro mondo. MEMENTO…

Il momento migliore per i miei voli mentali è quando sono al parco con i cani perché lascio passeggiare loro e la mia mente senza limiti, con la consapevolezza di non dover essere subito presente a me stessa nel momento in cui torno, posso prendermi i miei tempi.

Annunci

9 thoughts on “Memento

  1. Interessante questa cosa.
    Ma in questi momenti la tua mente dove va?
    Cioè, se non ho capito male, non si tratta di sogni a occhi aperti, no?
    Però è bella l’immagine della mente che si stacca per un po’ e se ne va per i fatti propri.
    Ciao

  2. Particolare, in effetti…
    Non si tratta proprio di sogni ad occhi aperti, sin da quando ero più piccola mi sembrava proprio come di uscire dal corpo.
    Poi la vita è bizzarra, una sera (lavoravo in un pub e stavo mettendo a posto, portavo via le birre al tavolo di alcuni ragazzi e uno di loro mi guardò e mi disse:
    “tu sai uscire dal tuo corpo”.
    Uh…
    Io mi presi un colpo e feci la vaga.
    Lui continuò dicendomi che lui la notte faceva diversi giri e se glie ne avessi dato la possibilità, avrebbe potuto “vedere” dove abitavo e venirmi a trovare.
    Ah…
    Non ho fatto nulla per incoraggiare questo “appuntamento al buio” :-), ma una sera mi svegliai nel mezzo della notte e me lo trovai davanti a me.
    Fortunatamente abitavo con i miei.
    La paura mi ha completamente bloccato e congelato, ho chiuso gli occhi li ho riaperti e non c’era più.
    Ora a distanza di anni il ricordo mi fa apparire tutta la vicenda come un sogno…ma lì per lì sogno non era…

    Dove va la mia mente?
    Ovunque, non c’è un luogo.
    Ora però riespetto a prima il vagabondare è molto meno…mmm non so come dire, è più reale, meno “astrale”…

    Mi servirebbe il Capitano Kirk!

    Ciaoooo

  3. Cambiato look, eh?
    Il libro “Supernatura” parla anche di questi fenomeni.
    Mo’ vado a cercare il capitolo.
    P.S.: comunque, se durante uno dei tuoi viaggi non sapessi dove andare, puoi sempre venire da me. Magari prima un avvertimento telefonico sarebbe gradito… :mrgreen:

  4. 🙂 Ah sì, cambio look ogni tanto!
    non lo conosco questo libro, aspetto news, grazie!
    Ah ben volentieri passo, ovviamente telefono prima, che mi ci fai trovare anche del minestrone, quello buono che sai fare tu?! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...