Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XVI

Guarda che qui l’unica strana sono io.
Qui si rubano le pratiche, ma solo quelle che fanno produzione, il resto può rimanere a marcire negli appositi contenitori di plastica con su scritto “da lavorare”, poco importa di cosa si tratti.
Ieri mi ha chiamato un C.T.U.
Non era una pratica che faceva produzione ed in più riguardava una annosa ricerca di documentazione per una causa in provincia.
Ovviamente il capo l’ha data a me, che sono l’unica cui non importa assolutamente nulla dei numeri, delle valutazioni, dei codici rintracciabili per la produzione, di quanto fanno gli altri se è più o meno di quanto faccio io, a me importa lavorare bene, risolvere questioni e cercare di mandare avanti quelle che giacciono nei contenitori, perché ci sono persone che aspettano, e loro non possono aspettare solo perché le loro pratiche non sono consuntivabili, che io mi chiedo se alcune persone qui dentro abbiano idea di cosa sia lavorare.
No, non è vero non mi sto dando le arie, sì ogni tanto penso di essere migliore lavorativamente parlando, altre volte riconosco la preparazione altrui, altre volte non sopporto nessuno, compresa me stessa.
Ma insomma, quello che a me importa e che mi da soddisfazione è per esempio quello che è successo ieri che quando il C.T.U. ha telefonato si è stupita che io le avessi già inviato i documenti richiesti, credo avesse chiamato già pronta ad una sorta di lite con la burocrazia.
Ecco.
Alla faccia delle vostre consuntivazioni.
E io però devo capire il mio capo a che gioco gioca.
Che ora si è imparato l’allert di outlook express.
Così non ti parla quasi più e indice riunioni prima con email poi inserisce l’evento riunione che ti appare lampeggiando per ricordarti che hai la riunione.
Come?
Ricordati che hai la riunione!
Va bene.
Ricordati che hai la riunione!!!
Sì, sì…mò me lo segno proprio…c’ho una cosa…non vi preoccupate…

Sì ho capito quando mi dici che è normale, che si fa così.
Ho capito che non capisci di cosa mi stupisca io.
È che non so come fare a spiegarti che qui è un mondo strano, un mondo di scarica barili.
E dai che te l’ho già raccontato altre volte.

Chi è abituato a lavorare non è che si può stupire tanto.
La stupefacenti e/o stupidità del fatto sta nel fatto (appunto) che alcuni non hanno visto altra realtà lavorativa che questa.
È chiaro che il loro metro di parametro (niente mi vengono le ripetizioni) sia sfalsato.

E ieri che portavo a spasso i cani ho incontrato il miglior professore che abbia mai avuto in vita mia.
Il prof. dell’università di uno dei più impegnativi esami del biennio, che mi ha fatto piangere, ridere, sperare, arrabbiare, perdere amicizie e acquisirne di nuove, nulla per me a confronto di esami come scienza o tecnica delle costruzioni, l’esame di geometria descrittiva.

Lui faceva lezione sempre in un’aula magna gremita fino agli ultimi banchi, l’unico che negli anni della pantera e dei suoi strascichi non ha mai saltato una lezione, l’unico che ci diceva la verità ossia che l’architettura in Italia era finita, che saremmo dovuti andare all’estero, che la Germania sì, la Germania ci avrebbe superato con la sua architettura, ed il muro era appena crollato.

Ecco qui.

Quando lo vedo mi emoziono.
Lui mi guarda e mi dice che tre cani in effetti sono impegnativi. Gli sorrido e lo fisso per un po’.
Lui inizia a cambiare espressione.
Eccerto lo sto fissando come un’allocca.

Lei è stato il mio professore all’università.
Lei è stato il miglior professore che io abbia mai avuto.
Ricordo ancora la prima lezione che ci fece.

Lui allora si rilassa e sorride.
E sorride tanto.
E mi dice grazie.

Grazie a lei professore.

Ti sei laureata, mi chiede.

La percentuale di laureati all’epoca, rispetto agli iscritti, era bassa, tanto bassa.

Sì, prof, 16 anni fa.

Sorride.

E fai l’architetto?

Ed ora sono io che cambio espressione, che mi cala un velo nero sul volto.
L’architettura la mia grande passione, mi sono lasciata convincere così, che il posto fisso è buono, che il posto fisso è un bene.
Ecco che fine ho fatto.

No, prof.
Faccio l’impiegata.

Ora non sorride più neanche lui, ma fa una smorfia.

Neanche tu, è ?

Perché diciamolo, lo sai che una larga percentuale di architetti non fa l’architetto. Ti ricordi quando sono andata a pagare il bollo della macchina, ecco si quel ragazzo lì, anche lui è architetto. Eh, sì, ha aperto un punto Aci. Ecco sì.

Annunci

7 thoughts on “Vita di PI – Pubblico Impiegato – Riflessioni XVI

  1. Il posto fisso un tempo era una fissazione. Rispondeva a criteri di lungimirante autorealizzazione, ma si partiva da più in basso. Oggi non avrebbe molto senso, perché piùchealtro fissa l’esistenza per un piatto di lenticchie. Una sorta di prigione. Penso che l’unica vita che abbiamo possa essere spesa meglio… anziché un posto “fisso”, un posto “in divenire”… (non ne colgo bene il senso nemmeno io, ma sa tanto di libertà). Si.

      1. Ho colto ciò che di te risuona in me (io ho mandato al diavolo il posto fisso 20 anni fa e non ho più un piatto di lenticchie certo la sera… aiuto però le persone a capire che si può anche digiunare!). Sento sfuggirmi una carezza per te. Ti auguro di non assuefarti mai a nessuna prigione. Ciao.

  2. Molti di noi, per una ragione o per l’altra, hanno dovuto abbandonare del tutto o in parte i propri sogni.
    Che però rimangono ben presenti in un angolino di noi stessi e ogni tanto rispuntano fuori…
    P.S.: io volevo fare l’Indiana Jones, e non ci ho certo ancora rinunciato. Se non fosse che non riesco ad arrotolare la frusta.,.. :mrgreen:

    1. Bisogna provare provare provare provare… (Intonazione della Sandrelli junior nel noto film)
      😀
      Sì è così…quando ci penso spero sempre che non debba capitare anche ai miei nipoti…mi viene da pensare così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...